29 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > GIARDINI NAXOS

Giardini Naxos - Il Gruppo imprenditoriale Chincherini è il nuovo proprietario del Castello di Schisò.

28-12-2017 19:56 - GIARDINI NAXOS
Giardini Naxos - Il Castello di Schisò ha un nuovo proprietario. Se l´è aggiudicato all´asta il gruppo imprenditoriale Chincherini, già proprietario di alberghi in Sicilia e nella stessa Giardini Naxos, per la cifra di un milione e 615 mila euro, corrispondente al 25% in meno rispetto all´importo fissato a base d´asta di 2 milioni e 152 mila euro, nell´ambito di una procedura esecutiva immobiliare pendente innanzi al Tribunale di Messina.

Il maniero (XIII sec.), che si affaccia sul golfo di Giardini Naxos costituisce l´immobile principale e di pregio di una vasta proprietà adiacente al Parco archeologico di Naxos, per l´acquisto del quale, da decenni, l´assessorato regionale ai Beni culturali ha tentato più volte l´avvio di procedure di esproprio, bloccate dai proprietari, che si sono sempre opposti in sede giudiziale con il risultato che in questi anni non è stato possibile concretizzare l´acquisto.

Una volontà quella di acquisire il Castello di Schisò al patrimonio regionale, e dunque da destinare alla fruizione della collettività e ai turisti, che nei giorni precedenti l´asta era stata manifestata pubblicamente dal neo assessore ai Beni Culturali Vittorio Sgarbi, che nel suo primo atto da assessore aveva dato l´assenso al Parco archeologico di Naxos-Taormina di partecipare all´asta per aggiudicarsi il Castello di Via Calcide Eubea, la cui acquisizione risultava già peraltro deliberata lo scorso fine ottobre dall´Ente Parco di Naxos, al fine di dotare l´Ente di nuovo museo archeologico. Un complesso storico, sulla quale la Regione, nel caso il Parco non si fosse aggiudicato l´asta, avrebbe esercitato il diritto di prelazione, acquistandolo al prezzo di costo dal privato che si sarebbe aggiudicato il castello di Schisò.

Una dichiarazione quella dell´assessore Regionale ai beni culturali, immediatamente prima dell´asta, che veniva ritenuta dai proprietari del Castello, i fratelli Paladino, seguiti dagli avvocati Rafaela Pugliano del foro di Messina e Francesco Saccone di Catania "affrettata e prematura", con l´effetto di scoraggiare diversi investitori. A questo punto, salvo ripensamenti, ci si attende da parte della Regione la dichiarazione del diritto di prelazione. La legge prevede che il decreto di trasferimento dell´immobile all´acquirente venga notificato alla Regione, al fine dell´eventuale diritto di prelazione che dovrebbe essere esercitato entro 60 giorni.


Fonte: di "Vincenzo Zappullà"
TAORMINA
VIDEO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio