12 Luglio 2020
news

Vittorio Chillemi e il movimento popolare "S. Teresa di Riva ai santateresini: amministrazione De Luca un totale fallimento.

24-06-2016 13:27 - S. TERESA DI RIVA
E´ ormai tempo di campagna elettorale a S. Teresa di Riva, nel centro jonico si voterà nella prossima primavera, i vari gruppi politici sono già in fermento, soprattutto sul fronte "opposizione" non dai banchi consiliare, ma attraverso "movimenti popolari" come "Santa Teresa di Riva ai Santateresini".

Un movimento popolare nato nella primavera del 2015 con l´obiettivo preciso "fare ritornare S. Teresa al vecchio splendore, ma soprattutto punto di riferimento per tutto il comprensorio jonico. Per fare questo secondo i rappresentanti del movimento il passaggio è uno solo "via lo straniero.... S. Teresa ai santaresini".

Fanno parte del movimento tutte le classi sociali del paese uniti, con obiettivi precisi, con un programma ben dettagliato nettamente in contrasto con l´operandi dell´amministrazione comunale guidata da Cateno De Luca. Nel movimento "S. Teresa di Riva ai santateresini" troviamo anche un ex amministratore comunale, il cosidetto "consigliere agricolo" tanto caro ai suoi avversari politci. Stiamo parlando di Vittorio Chillemi, un santateresino doc di Misserio, con il quale abbiamo analizzato l´attuale momento politico di S. Teresa di Riva.

Iniziamo con una domanda diciamo un po´ soft perché nel corso della nostra chiaccherata, certamente Vittorio Chillemi non è stato tanto tenero nei confronti del "Supremo" ovvero il soprannome del primo cittadino Cateno De Luca.

Vittorio Chillemi ex amministratore comunale di Santa Teresa si occupa sempre di politica? "Fare politica significa servire il popolo nel limite del possibile e non servirsi del popolo. Certamente mi occupo del mio paese sempre tutti i giorni anche se attualmente non ricopro nessuna carica politica, la politica si può fare con e senza riflettori puntati addosso. Oggi più che mai Santa Teresa di Riva ha bisogno di validi lavoratori e soprattutto figli di Santa Teresa di Riva".

Dal 2012 a oggi cosa vede di cambiato a Santa Teresa di Riva? "A S. Teresa di Riva oggi si sta attraversando un periodo molto particolare frutto di una mala e fallimentare gestione comunale del supremo. Ha promesso di tutto e di più senza portare benefici. Grazie alla sua scarsa partecipazione in termini di presenza".

L´esecutivo di maggiorana e minoranza ha il bene di S. Teresa di riva? "Che bene si può mai aspettare se a monte non c´è organizzazione oltre a normale amministrazione non riescono a fare, hanno speso oltre 1.300.000€ in quattro anni di incarichi e spese nulle, hanno tassato i cittadini al massimo per spendere e spandere come vogliono, non si è visto un progetto a tutela dei giovani per inserirli nel mondo del lavoro, non se visto un progetto per i piccoli imprenditori che a stento arrivano a fine mese".

Cateno De Luca - Sindaco di Santa Teresa con un trascorso politico da "onorevole regionale" ha dato i frutti che la gente sperava? "Ho sempre sostenuto che umanamente ho una buona considerazione di De Lux ma politicamente ho sempre sostenuto che non è all´altezza di amministrare un comune come S. Teresa. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, ha promesso mari e monti in campagna elettorale, ha presentato 26 punti di programma e sbandierava che Santa Teresa di riva aveva bisogno un Sindaco presente e operativo in ogni quartiere del paese. Non ha prodotto niente il programma elettorale solo utopia , ha massacrato i cittadini e ora se inventato la differenziata in una settimana, creando un mare di problemi. Se rivelato lui il primo assenteista non c´è mai al palazzo se non qualche ora il lunedì. Più volte lo invitato alle dimissioni per il bene del paese".

Lei ha menzionato la raccolta differenziata, un bilancio dei primi 60 giorni? "La differenziata e un bel progetto sicuramente da fare per il bene comune, anche qui però ci sono i problemi perché iniziata male e finirà peggio, organizzazione scarsissima tempi di realizzo brevi quando altri comuni anche più piccoli impiegano anni per il passaggio. La confusione più totale per amministratori incompetenti e con un Sindaco che dirige da lontano".

Altra tematica di questi giorni la telenovela del Comunale di Bucalo... sembra che questa volta sia la volta buona per gli sportivi santateresini di avere un campo in erba sintetica? "Anche qui ci sarebbe da scrivere un libro l´amministrazione uscente nel 2012 lascia il progetto del campo finanziato con relativo decreto, sono stati così bravi i De Luca Boys a farselo ritirare e rimanere 4 anni nell´ombra più totale. L´ assessore al ramo impegnato tra una sagra e l´altra non ha avuto tempo per lavorare in tal senso. Adesso ad un anno dalle elezioni arriva la lieta notizia del rifinanziamento, intanto le nostre realtà sportive santateresine brancolano nel buio abbandonate a loro stessi".

Una caratteristica dell´Amministrazione De Luca sono gli incarichi professionali, forse più del dovuto? "Ricordo che il gruppo Sicilia Vera la scorsa amministrazione gridava allo scandalo perché in cinque anni erano stati spesi neanche 500.000€ di incarichi e hanno impiantato una campagna elettorale su questo argomento, oggi ci troviamo nella condizione più assurda perché non solo è stato sperperato il triplo ma non c´è un opera fatta a Santa Teresa di riva, se opere fatte sono la casa dell´acqua e le piante sul lungomare siamo apposto. Io dico sempre che non deve essere il politico a fare quello che vuole con i soldi pubblici, deve dare conto ai cittadini di come spende i loro soldi".

Cateno De Luca nel suo programma elettorale ha elencato una serie di interventi per far rinascere S. Teresa, ben 26 quelli programmati nell´arco dei cinque anni, secondo lei, anche se ancora mancano dodici mesi al termine del suo mandato, questi punti sono stati tutti realizzati, oppure.....? "Cateno De Luca per quanto mi riguarda è stato una enorme delusione politicamente parlando perché si è offerto a questo paese in un modo con un programma elettorale straordinario promettendo di tutto e di più raccogliendo il consenso dei cittadini stufi della solita politica locale. Ha avuto la fiducia per amministrare e cambiare il volto del paese, di quel programma elettorale non ha fatto niente anzi ha fatto l´esatto contrario. Oggi io insieme al mio gruppo e tanti amici abbiamo il dovere di informare per bene la gente è dimostrare che Santa Teresa di Riva può essere governata dai santateresini non da stranieri che fanno quello che vogliono con le nostre risorse".

In conclusione non poteva mancare una domanda sulla frazione Misserio, con l´avvento di De Luca ci sono stati dei benefici per il piccolo centro collinare? "Tutto giace come lo abbiamo lasciato, in questi anni di assoluto silenzio tranne qualche sagra estiva hanno vissuto di luce riflessa del lavoro fatto dell´amministrazione precedente, né cito qualcuno hanno inaugurato il progetto dell´ex scuola elementare, hanno inaugurato l´intitolazione alla Piazza Piani, hanno inaugurato la via rurale antica borgata e ripristinato la fontana acqua Mantarro, oggi addirittura si vocifera dal consigliere Veri Well che vogliono mettere in sicurezza l´ex Chiesa Vecchia con addirittura un accordo fra Comune e Parroco di decine e decine migliaia di euro, quando la Curia al sottoscritto la cedeva gratis con documenti firmati e protocollati al Comune. Ne vedremo delle belle nei prossimi mesi quando chiederò chiarezza e contezza di tutto davanti ai cittadini di Santa Teresa".

TAORMINA

VIDEO


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account