05 Dicembre 2020
news
percorso: Home > news > TAORMINA

Teatro antico di Taormina Canoni d´affitto raddoppiati: 3.000 euro al giorno per i concerti.

08-12-2015 15:57 - TAORMINA
A nulla è servito il grido d´allarme lanciato dagli operatori culturali, ne le interlocuzioni di Federalberghi e Confindustria Sicilia. 11 nuovo regolamento sull´utilizzo del Teatro Antico di Taormina è lì, nero su bianco, il decreto ieri è stato firmato dal dirigente generale Gaetano Pennino: di fatto, dal 2017, vengono raddoppiati i canoni di affitto del teatro - 3.000 euro al giorno per gli spettacoli e i concerti, 2.000 per le rassegne culturali -, ma soprattutto verranno conteggiati anche i giorni di prove: 10% dell´importo del canone per i primi due giorni di prove, canone intero dal terzo in poi.

Ma il discorso sul Teatro Antico è più articolato e riguarda soprattutto la programmazione degli eventi. Il tentativo - già avviato altre volte senza risultato - è infatti quello di ottenere ad inizio d´anno un calendario completo da proporre ai tour operator. Quest´anno resta ancora tutto fermo - per questo periodo transitorio, canoni uguali al passato - ma dal prossimo si cambia: entro il 30 settembre 2016 dovranno essere presentate le richieste per il 2017 e una commissione qualificata dovrà vagliarle entro gennaio.

Dall´Assessorato, da poche settimane guidato dall´avvocato cassazionista catanese Carlo Vermiglio, fanno sapere che il tentativo è quello di dare direttive con modalità chiare e precise, in maniera da far lavorare velocemente la commissione che metterà a punto la stagione completa. A nulla è dunque servito l´accorato appello degli operatori culturali, soprattutto catanesi, promosso da Nuccio La Ferlita per Musica&Suoni.

«Mai più grandi concerti al Teatro Antico di Taormina, questo sarebbe il risultato se venisse pubblicato il bando che regolamenterebbe i criteri per le concessioni d´uso del teatro - scrivevano pochi giorni fa gli operatori -; l´assessorato regionale ai Beni Culturali lo scorso anno bloccò per alcuni mesi le concessioni facendo saltare i concerti di Santana e di Stevie Wonder, quest´anno, per fare peggio, si aspetta da Agosto con il risultato che sono ormai persi David Gilmour e i Muse e stanno per saltare anche i grandi nomi italiani, determinando un grave danno economico all´industria musicale siciliana, alle casse regionali e al settore turistico alberghiero.

Alcuni burocrati si sono convinti ad aumentare i canoni di quasi 100%, e adottare un criterio di concessione farraginoso e lacunoso, obbligando gli organizzatori a rinunciare ai concerti al Teatro Antico. Pensare di aumentare i canoni è follia; dopo anni di interlocuzione politica in cui si discuteva di sgravare i privati dal costo, adesso si pensa addirittura di raddoppiarli. Oggi i privati siciliani sono operatori culturali eroi dell´impresa, quelli che in una Sicilia che sprofonda, si sfalda, crolla, smotta, continuano ad investire nel loro lavoro. L´aumento dei canoni porterebbe a scoraggiare definitivamente ogni iniziativa».

(·SIT·) SIMONETTA TROVATO

MESSINA E PROVINCIA
ECONOMIA & FINANZA

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio