25 Settembre 2020
news
percorso: Home > news > TAORMINA

Taormina Book Festival presenta David Grossman e il suo ultimo libro, "Applausi a scena vuota".

07-06-2015 12:24 - TAORMINA
Difensore della pace, anche se la pace non l´ha mai conosciuta. «Neppure per un istante», ha ricordato più volte, quasi ad evocare un miraggio, spazzato via dai venti di guerra.

Alfiere dei diritti umani, David Grossman, (in foto), non ha mai perso la capacità di ascoltare e capire.
Sempre pronto a riaffermare, attraverso la sua impareggiabile scrittura, il credo laico della tolleranza verso l´altro. E nessuno meglio dell´autore di Vedi alla voce: amore ha saputo esaltare nelle pagine di un libro l´arricchimento che deriva dal dialogo e dalla convivenza con l´altro.

Tra i massimi scrittori viventi, il narratore e saggista israeliano si è fatto così ambasciatore nel mondo di un messaggio altamente civile, democratico.

Agli appassionati lettori di Taobuk, Grossman presenterà, a Taormina presso il S. Domenico Palace Hotel (martedì 23 giugno alle ore 19.00), il suo più recente romanzo "Applausi a scena vuota", intitolato così perché l´azione si apre su un palcoscenico deserto mentre un grido echeggia da dietro le quinte, zittendo il pubblico in sala.

Un uomo esile piomba sul palco: è il comico Dova´le. In platea c´è un intruso, che è venuto spinto da una telefonata inattesa: è il giudice Avishai Lazar, amico d´infanzia di Dova´le, che appena quattordicenne, al campeggio paramilitare, era stato raggiunto dalla notizia della morte di un genitore.

L´adolescente deve partire per arrivare in tempo al funerale. Ma chi è morto? il padre o la madre? Nessuno ha avuto il coraggio di dirglielo, o forse lui non ha compreso. Ha un viaggio intero nel deserto per torturarsi con l´angoscia di un calcolo oscuro che gli avvelena la testa: il padre o la madre?

Sono passati quarant´anni. Il ragazzino di allora, che camminava a testa in giù perché solo da quella posizione riusciva ad affrontare il mondo, è ancora impigliato nell´estremo tentativo di venire a capo di quella giornata lontana.

Non sveliamo di più, ma universale è l´assunto di questa storia che si svolge a Netanya, piccola cittadina a Nord di Tel Aviv.

Grossman ritorna sempre ad ispirarsi nel seno della sua terra. E in lui, ateo, continua a parlare con parole semplici uno spirito profondo di solidarietà, che vuole condividere con il lettore le angosce e soprattutto i valori dell´uomo.

Fonte: redazione
TAORMINA
VIDEO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio