25 Settembre 2022

Se il gallo canta prima di mezzanotte : .....è malutiempu !

29-03-2014 13:45 - .....Susiti e ...abballa!! Rubrica di Franco Gambino
Tantissimi modi di fare o vari atteggiamenti e comportamenti del popolo Siciliano, risultano condizionati da credenze popolari che tutti vorremmo ignorare ma, delle quali, subiamo un certo influsso, Credenze che sono tramandate di generazione in generazione e che , credo, sia difficile se non , addirittura, inevitabile - per chi sia a conoscenza del significato di tali credenze (pur dicendo "ufficialmente" di non crederci.....) non rimanerne coinvolto.

Avete mai provato ad osservare la reazione di chi per distrazione o per imprudenza fa cadere sulla tavola o per terra una bottiglia d´olio ...ebbene noterete (o... noteremo) dopo l´iniziale preoccupato smarrimento, la "corsa" a porvi rimedio, prendendo un pugno di sale e spargendolo sopra l´olio a terra o su un qualsiasi piano, per rimanere appagati, nella convinzione che ogni ipotetico male venga scongiurato.

Qui a Birgi (.....come in tutte le contrade del Marsalese) sono innumerevoli i casi (da me raccolti...) in cui appunto si può notare come il comportamento della gente risulta condizionato dalle tantissime superstizioni (alla faccia della globalizzazione...! ) ....dure a morire . Mi piacerebbe citarle—(tutte quelle della mia raccolta)-- ma mi limito -per problemi di spazio- a descriverne alcune.

Chi ha conosciuto come me Ciccio Bilello.....ha potuto ammirare, oltre la sua verve comica, i suoi antichi cunti, le sue macchiette, il suo eterno agonismo bocciofilo con il suo Amico Pasquale Barraco ( detto..." boccia di punto al volo...con sedia ! " ), la sua "inossidabile" fede al Partito Repubblicano.......e, soprattutto, la sua Anima Romantica. Sono stato convinto -da sempre- che uomini come Lui , portano fortuna e si è sempre felici d´incontrarli....

Le sue superstizioni o credenze popolari erano sempre di buon auspicio ; ricordo che fu Lui a spiegarmi una certa usanza qui al Baglio : il 1° Maggio davanti l´uscio di casa o sulle porte, apparivano (e appaiono) inserite nei battenti o in qualunque altro modo, le margherite gialle e non saprai mai chi Le ha messe....

Ciccio mi spiegava che era il modo più bello per augurare prosperità, benessere, ricchi raccolti ed eterna vita a tutte la famiglie portando, con i colori e i profumi di quei fiori ("U Maju" ) allegria e buonumore . Continuiamo, allora, nell´esposizione di alcune "credenze".....

Si riceveranno Buone Notizie :
-quando si sente una persona che canta o suona uno strumento musicale anche all´aperto o in piena notte;
-quando si sente cantare un gallo nelle "mattinate" ;
-quando occasionalmente si ascoltano buone parole da un occasionale passante che dialoga con un amico;

Avvertimenti :
-se non si vogliono croci per il resto della vita, sulla tavola apparecchiata, non si debbono mai incrociare le posate o i coltelli ;
-se il gallo canta prima di mezzanotte : ....è malutiempu !
-porta male scopare.......la casa di sera tardi o di notte ;
-quando si costruisce una nuova casa, si avrà prosperità e benessere se si getteranno monete e santini nelle fondazioni
-il primo giorno che si va ad abitare una casa si dovranno mangiare : 1° Pasta chi i cavuli ; 2° Pisci fritti !.. porta bene .

Domenica delle Palme :
-Sarà un buon portafortuna ed un augurio bruciare in casa, con un po´ d´incenso, alcune foglie d´ulivo o di palma benedetti . Se questa operazione viene eseguita nella mattinata del Sabato Santo, si reciteranno i seguenti versi (...per protezione anche contro le avversità e i "maligienti" ! ) :
"Parma e aliva biniritta
Nterra sì nata , ncelu sì scritta
Pi sta virtù ca Diu t´ha datu
Di li maligienti m´hai guardatu,
e lu malocchiu è trapassatu ! "

I Sogni
-i pesci annunciano buone notizie ;
-sognare di essere morti è segno di lunga vita ;
Due notazioni per finire ..... - Se si avverte un fastidioso prurito al sedere e si è costretti a grattarsi : è questo il segno che si avranno lasciti, arriveranno soldi, o si avrà un´annata ricca (carrica di pruna ! ) ;
-Per far calmare la furia del mare , ecco il rimedio : Gettare un " piccolo Pane di San Giuseppe" tra le onde e recitare tre volte la seguente preghiera : "San Giusippuzzu cu la nciuriata parma, l´unni di lu mari prestu carma" !
Lascio ai miei Cari lettori la libertà di "credere o non credere" oppure , come recita Luigi Pirandello...."Così è se vi pare"....poichè il fenomeno esiste e non si può far finta d´ignorarlo......e ccù ssaluti !


Il Canto Poesia - Detto Popolare
raccolta franco gambino

L´aviti vistu babaluceddi vulari.....

Ascoltata da Giovannino Varvaro alla "Noce" - Palermo - sol + .

L´aviti vistu babbaluceddi velari
Tartucheddi balati ncarcari
Peri di ficu chi fa nuci
Per i cirasi chi fannu varcochi

Accastabbanna ntisi na vuci
U zappagghiuni ammazzava sei crapi
Sunn´era lestu a ghiccarici na vuci
Caria un biccheri e rupia sei cannati

All´acchianata ri Porta Filici
Mentri manciavanu pasta chi sardi
Fu pi la festa di Canibardu
Rumperu i piatta e unni vuosinu cchiù !!



Fonte: di Franco Gambino

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio
refresh


cookie