10 Luglio 2020
news

Nuova emergenza idrica a Messina. Dopo una rottura di una condotta, parte della città senza acqua.

04-11-2015 18:51 - News MESSINA e PROVINCIA
Neanche il tempo di tornare alla normalità e Messina ripiomba in piena emergenza idrica. Uno smottamento del terreno ßç località Calatabiano, nel Catanese, ha causato una fenditura di diversi centimetri alla condotta idrica che rifornisce d´acqua la città dello Stretto, riparata venerdì scorso, costringendo l´Amam, l´Azienda meridionale acque di Messina, a interrompere nuovamente la distribuzione.

Quasi tutta la città era ritornata alla normalità, a eccezione dellazona di Santa Luda sopra Contesse, dove sino a ieri mattina erano state dirottate dieci autobotti (quattro del Comune, tré dell´Esercito e tré del Corpo Forestale Regionale). La rottura della condotta è avvenuta nello stesso punto dove era stata saldata tré giorni prima.

I tecnici temevano comunque che il maltempo potesse provocare altri smottamenti, e conscguentemente nuovi danni alla condotta, e per questo motivo avevano provveduto a realizzare una sorta di bypass con la vecchia condotta dell´Alcantara, da utilizzare proprio in caso d´emergenza. Un intervento certamente non sufficiente a garantire la stessa portata d´acqua della prin- Si tenta di riattivare la distribuzione con autobotti e attraverso la vecchie tubature dell´Alcantara cipale, ma che sicuramente servirà a limitare i disagi. In questo caso la portata d´acqua, infatti, è di 300 litri al secondo, contro gli 800 della condotta principale di Calatabiano. Ieri pomeriggio, intanto, nel palazzo della Prefettura si è riunita l´Unità di crisi alla presenza del capo della Protezione civile nazionale, Fabrizio Curcio. Erano presenti anche il prefetto di Messina, Stefano Trotta, il sindaco di Messina, Renato Accorinti, e il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta. «Non faremo sconti a nessuno - ha detto Crocetta -. Bisogna immediatamente ripristinare la linea con interventi fatti con la testa e non con i piedi. Laddove qualche struttura locale non è m grado, è chiaro che faremo un intervento sostitutivo perché i cittadini di Messina non possono pagare le inadempienze di altri».

«La parte alta della città di Messina per motivi strutturali non sarà alimentata dal bypass sino a quando non si risolve la questione della frana e della condotta - ha spiegato il capo della Protezione civile -. Quella zona verrà potenziata con le autobotti». Da domani ritorneranno le navi cisterna per rifornire la vasca di Torre Vittoria che approvvigiona parte del centro cittadino. Per i tecnici ci vorranno tra i 15-20 giorni prima di poter stabilizzare il costone che, franando, provoca la rottura delle tubature.


Fonte: di "Domenico Pantaleo"

TAORMINA

VIDEO


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account