25 Giugno 2024
news
percorso: Home > news > Attualità

Un ricordo per Vincenzo Agostino. Uno studente del Liceo Scientifico "Filolao" di Crotone rievoca due vittime innocenti della mafia

21-04-2024 19:57 - Attualità

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani esprime il proprio cordoglio per la morte di Vincenzo Agostino, simbolo della ricerca della verità e della giustizia, come amava ripetere, da dedicare in primis alla memoria del suo coraggioso e sfortunato figlio Nino, agente di polizia, morto il 5 agosto del 1989, in un agguato mafioso insieme alla moglie, Ida Castelluccio, davanti ai suoi occhi. Vincenzo da allora non aveva mai smesso di cerca i colpevoli e le ragioni della tragedia che ha insanguinato la sua famiglia; spesso incontrava gli studenti per raccontare la sua esperienza e diffondere i valori della legalità.

Quella barba e quei capelli lunghi, ormai bianchi, che non ha più tagliato, come segno indelebile della sua lotta contro nemici invisibili e pericolosi, sono oggi impressi nella memoria di molti. Qualche tempo fa è stato dedicato un docufilm “Io so chi siete” che ripercorre l’intera vicenda. Oggi la sua forza morale rivive nei giovani che lo hanno ascoltato e che in futuro decideranno di apportare il proprio contributo nella comunità in cui vivono in termini di cittadinanza responsabile.

Per esempio, il giovane studente Andrea Cacozza della classe III sez. C del Liceo Scientifico Filolao di Crotone racconta la storia di due onesti lavoratori, Angelo Carlisi e Calogero Zaffuto, uccisi dalla mafia il 21 aprile del 1993 in una strada che collega Porto Empedocle (AG) con Maddalusa e San Leone.

“Il 21 aprile 1993, a Porto Empedocle, la comunità viene scossa dalla tragica fine di due pescivendoli di Grotte: Angelo Carlisi e Calogero Zaffuto. La Squadra Mobile di Agrigento interviene nella contrada "Caos", in risposta a una segnalazione alla centrale operativa. All'interno di un autofurgone Fiat Fiorino, trovano due uomini gravemente feriti da colpi di arma da fuoco: Calogero Zaffuto, portato in ospedale in stato di coma, e Angelo Carlisi, già deceduto. Nella stessa giornata, viene ritrovata una carcassa bruciata di un'Alfa 33 rubata l’8 aprile ad Agrigento, appartenente proprio a Carlisi, abbandonata nella contrada "Maddalusa". I familiari riferiscono che Angelo aveva avuto problemi legati al furto della sua auto. Dopo aver acquistato il veicolo e preso in affitto un garage, dove voleva parcheggiare la sua macchina, è entrato in contrasto con il locatore e ha subito intimidazioni telefoniche. Gli investigatori ipotizzano che Angelo Carlisi possa essere stato ucciso per aver indispettito un amico di Vincenzo Licata, boss locale e stretto collaboratore di Giovanni Brusca.”

Nel 2016 il procuratore della Repubblica di Siena Salvatore Filippo Vitello così aveva commentato il tragico episodio: «A Grotte è esistito un potere criminale che ha consentito la morte di Calogero Zaffuto e Angelo Carlisi, due giovani onesti lavoratori vittime innocenti di mafia. Su queste persone è caduto l’oblio e questo non è accettabile. La loro tragica morte e il loro sangue innocente deve essere additato alle nuove generazioni. Simili fatti non devono accadere. L’illegalità, la mafia si devono combattere non soltanto con la forza della legge ma anche con la forza dei cittadini. La comunità deve trovare il coraggio della verità. Colui che nega l’umanità non può essere definito uomo di rispetto. E purtroppo nelle zone grigie la gente ha rispetto per queste persone.”

Il CNDDU invita nuovamente gli studenti e i docenti ad aderire al progetto #inostristudentiraccontanoimartiridellalegalità. Gli elaborati possono essere segnalati al CNDDU che li renderà visibili sui propri canali social (email
: coordinamentodirittiumani@gmail.com)
Notizie

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie