13 Agosto 2020

....."amunì....trasiemu stù muortu" !

04-11-2014 21:03 - .....Susiti e ...abballa!! Rubrica di Franco Gambino
Una triste.....verità lasciatemela dire : Con l´avvento delle Cantine Sociali ogni tradizione è stata "cancellata" e molte personalità....... oggi dovrebbero recitare un "mea culpa" sull´indirizzo dato alla produzione vitivinicola che......dopo anni di "spirimienti", ritorna -con il capo cosparso di cenere- alla valorizzazione dei vini di produzione da vigneti autoctoni della più pura tradizione : Il Catarratto, il Grillo, l´Inzolia, " a Tumaschina" (Damaschino) etc.. Tra i tanti tentativi di "modernizzare" tutto, calpestando a tutti i costi le nostre belle tradizioni , c´è stata in questi ultimi anni l´iniziativa di "aprire", tra alterne vicende, "punti per la vendita di vino sfuso"........! -

Non entro nel merito dell´iniziativa che, credo, non voglia promuovere i vini di qualità. Ma voglio solo ricordare ai Cari lettori la tradizione delle "Taverne" o "Putie di vino" di una volta . Erano dei locali che assumevano vari nomi in varie città "osterie, bettole etc." dove all´entrata era quasi d´obbligo un cartello : "si fa da mangiare" unitamente ad un fascio d´alloro o di carrubbo. . Questi locali in ogni città o paese assumevano un enorme ruolo sociale nella storia locale : erano infatti luogo di ristoro ma anche d´incontro per operai , contadini, artigiani, pescatori che dopo una giornata di duro lavoro si riunivano per chiacchierare mentre l´oste somministrava loro il suo "miglior" vino, magari, mentre assaporavano un "boccone" delle prelibatezze della cucina. Vero è che c´erano quelli che andavano nella Taverna per ubriacarsi, ma l´oste , in genere, somministrava anche l´antidoto per la "sbriacatura" attraverso una personale miscela di "cafè".

A Palermo , come in altre città o paesi l´inaugurazione della "Taverna" era un avvenimento importante.... nel circondario. Nel giorno prestabilito i "tammurinara" (Maestrio del ´bratapabrà´) al mattino facevano il giro dei rioni ed un banditore annunziava l´ apertura della "Putia" (a ´Ballarò´ per esempio ) - dicendo : " ...Scalò ! Scalò ! Scalò ! (e faceva una lunga pausa, in modo che tutti dicevano : "Ma chi scalò ? Bbò ! " ) .....Assira u Suli spuntò (!) e o Zzù Pippinu cci vinni ntiesta ri scalari u vinu e ppi farivillu tastari grapiu una bellissima "Tavierna Azzurra" unni so mugghieri pripara . "Pasta ca grassa", " Purpietti i sardi nnà sarsa", "Testi ri crapiettu bolliti a stricasali" , "U Mussu e Carcagnuolu ! " , "Alivi al fiore , cu ssardi salati appuosta ", "Favi a cunigghiu" e " a carrittiera "........mentri u Zzù Pippinu cci metti ncapu a tavula un "litruottu" di Bianco Carta di Partinico o una cannata di Vinu vecchiu ri Birgi. A graputa ra putia, stasira, ci su "ova ruri" pi tutti e un bicchieri ri vinu bellu......Pi i primi 30 un si paga....l´avutri a prezzu bassu 5 Liri ! ...e cinqu (alle ore 5) tutti o Raffieddu ! Amunì , Totuccio isa i pieri e....i manu ! ""All´orario una folla strabocchevole si accalcava davanti il locale, mentre i "volenterosi Amici ru Zzù Pippinu" si prestavano (volentieri ! ) per mantenere l´ordine (ed essere ....tra i primi trenta ! ) ....Il Suono dei tammurinara (ben 3 ) , di una fisarmonica e di una chitarra......da lontano "portava appresso" una scia di "picciuttieddi" che abballavano e a suon di musica ..." e ci facianu ....l´olè" .

All´apertura "ufficiale" lascio al Caro Lettore immaginare la ressa tra "ammuttuna" , "piratuna" ,"santiuna".... i panari cu ll´uova rura,.....( i gienti si manciavanu cu tutti i scuocci ! ) cu affirava ri ccà e cu affiravva ri ddrà......i picciriddi chi chiancievanu , i cumpari chi ggià eranu vivuti e "strammiavanu rà bella ! ", i fimmini rarreri chi chiamavanu i picciriddi !.....Insomma......un vero successo !

Ma al di là del Folk-lore......restava il fatto che, erano quelli dei veri centri di degustazione, senza nulla di artefatto o di "globalizzato".....non mancavano mai le bottigliette piccole di "gazzosa" prodotte da Maggio a Marsala o a Palermo da Partanna ed in particolari giorni della settimana c´era l´assaggio del brodo con il bollito ed un pezzo di ginocchio o cannedda per i buongustai. In genere davanti ad un buon bicchiere di vinu si concludevano trattative, affari ,vendita di asini, muli o vitelli. Oggi non più . Oggi questi locali per la "vendita di vino sfuso" si chiamano "Boutique del Vino", "Maison du vin", "Punto Vino della Cantina ......" , " Bagliori di Sicilia", " l´enoteca dei Fiori"...... dove il vino si compra a...."scatola chiusa", sulla parola, volendo a tutti i costi dimenticare il valoroso passato , volerlo a tutti i costi sotterrare sotto una patina di modernismo per costruire "questo futuro" senz´anima presentandolo davanti con lo specchietto delle allodole di questa "forzata" ed, a volte, inutile tecnologia. .....E come dice ormai qualcuno.....: "Amunì....trasiemu stu muortu !".......(che non sia il nostro buon vino....quello dei nostri Padri ! )


BRINNISI DI MARINAI -
(A. Favara CORPUS-n.591- -)
canti del mare - Epoca ´800
Origine Trapani-

ALLIGRIA ! VINU !
Coro:
Sciucamunni sta lampa LAMPA BO´ LAMPA´
Di ccà nun si nni jemu "
Si sta lampa ni l´asciucamu "
E nui rusoliu vulemu " "
La misculanza ci l´amu a fari " "
E nui ccà semu " "
Di ccà nun sinni jemu " "
Ciuccamunni sta lampa " "
Saluti ciavi a ddari " "
A ccu nni fa travagghiari " "
E ci l´avemu ammugghiari " "
Un biscutteddu n´avi a dari " "
BACCU ! LAMPA ! " "
BACCU ! LAMPA ! " "
LAMPA BO´ LAMPA´ (tutti quasi gridato -due volte-)

TAORMINA

VIDEO


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio