25 Aprile 2019

news
percorso: Home > news > Sport

Una Savam Letojanni dai due volti perde il primato a Palmi, sconfitto al tie-break dagli ex Laganà, Schifilliti e remo.

09-12-2018 18:31 - Sport
Serviva una vittoria piena per mantenere la prima posizione in classifica. E ovviamente una prestazione al di sopra dei propri limiti. Cosa che c’è stata per ben due set. Due parziali vinti che sembravano potessero essere l’anticamera di un 3 a 0 netto e senza storia. Ma così non è stato, visto e considerato che la Savam Costruzioni Volley Letojanni non è riuscita ad avere la meglio su un Palmi vittorioso per 3 a 2 alla fine di una gara durata poco più di due ore. Un match combattutissimo che si è risolto solo al tie-break in un Pala “Surace” fortino inespugnabile di una squadra, quella calabra, che ha saputo risollevarsi dalle sabbie mobili di una probabile debacle.

Capitan Schifilliti e compagni hanno infatti dimostrato, ieri, tutto il loro valore nei primi due set, buttando via il terzo proprio sul più bello e cedendo il passo al Palmi nei restanti round. Un’impresa faraonica riuscita solo a metà e che non si è concretizzata, complici le prove altisonanti degli ex Laganà, Schipilliti e Remo che si sono letteralmente caricati la propria squadra sulle spalle, conducendola ad un’affermazione che è valsa l’aggancio al Letojanni, a quota 20 punti in graduatoria. Classifica che vede adesso al primo posto il Modica, a 21 punti, che ieri si è sbarazzata nell’arco di un’ora e mezza del Pozzallo, e al secondo posto, in comproprietà proprio con i siciliani di Centonze, i calabresi di Polimeni.

Proprio questi ultimi iniziavano al meglio il primo set nonostante, a lungo andare, il Letojanni cominciasse a giocare bene su tutti i fronti, riuscendo ad agganciare i reggini sul 7 pari. Da qui un punto a punto fino al 12 a 12 quando il sestetto locale si appropriava delle redini del gioco e viaggiava sul 15 a 12. Poi di nuovo parità (15 a 15) e testa a testa fino al 20 a 20: un equilibrio che veniva rotto da tre attacchi del Palmi che si portava sul 23 a 20, ad un passo dalla vittoria del set. Pasciuta, a muro, confezionava il 24 a 20 ma proprio su questo risultato, il Letojanni recuperava terreno, pareggiando sul 24 a 24 grazie a due muri di D’Andrea e ad un attacco di Saraceno. Ci pensava poi Bonsignore con un ace a fare 25 a 24, prima del definitivo 26 a 24 grazie ad un attacco errato di Laganà.

Doccia fredda per il Palmi e via al secondo parziale che aveva inizio con il Letojanni con il piede premuto sull’acceleratore. Si partiva con un 4 a 1 ma a poco a poco i padroni di casa rispondevano presente e andavano in vantaggio sull’8 a 6 grazie ad un Laganà che suonava la carica. La Savam non ci stava e passava sul 18 a 16, mentre il Palmi colpiva nei punti più deboli dell’avversario, portandosi sul punteggio di 19 a 19. Gli jonici, a questo punto, avanzavano di nuovo con Saraceno che dipanava la matassa, mettendo a segno i punti del 24 a 21 e del 25 a 22. Il terzo set si apriva sempre con un testa a testa iniziale (4 a 4 e 8 a 8) fino a quando i locali ingranavano la marcia e si portavano sull’11 a 8 e poi sul 13 a 10. In mezzo un doppio cambio operato da Polimeni (rivelatosi poi decisivo) che gettava nella mischia Remo e Carbone al posto di uno spento Pasciuta e di Russo. I letojannesi reagivano pareggiando i conti (14 a 14) e superando la squadra nero verde sul 16 a 14. Ma il Palmi, proprio nel momento meno propizio, piazzava subito ben sette ace con Schipilliti e Laganà che conducevano i casalinghi a vincere il set per 25 a 18 e a riaprire i giochi.

Si ripartiva, quindi, con il Palmi superlativo a muro e a servizio, con un risultato evidente: Letojanni sotto pressione e locali che andavano sul 6 a 1 nell’arco di pochi minuti. Boscaini e Bonsignore tentavano di mettere giù palloni pesanti ma si scontravano con un Palmi che teneva duro e che viaggiava sul 15 a 11 e poi sul 18 a 15. A questo punto i nero-verdi affondavano il coltello nella piaga, giungevano sul 21 a 16 a proprio favore e facevano loro anche il quarto set per 25 a 19 grazie al solito Laganà (33 punti totali per lui).

Si andava dunque al tie-break nel corso del quale si registrava una partenza sprint del Palmi che, dopo il 4 a 1 iniziale, si rilassava favorendo il ritorno degli ospiti che riuscivano ad avvicinarsi considerevolmente (9 a 7). Ma nell’arco di qualche secondo i locali andavano in vantaggio sul 10 a 7, vincendo alla fine per 15 a 8. Gara spettacolare sotto tutti i punti di vista e a cui seguirà adesso un match da tre punti: ovvero quello di sabato prossimo, contro il Pozzallo, che per la Savam sarà tra l’altro l’ultimo del 2018. Match dove sarà vietato sbagliare.

FRANCO TIGANO VOLLEY PALMI: Laganà 33, Schipilliti 14, Remo 10, Pasciuta 3, Russo 5, Saturnino L1, Agostini 13, Illuzzi 3, Carbone 3. N.e. Martinez, Amato, Di Salvo, De Santis L2, Concolino. ALL.: Polimeni

SAVAM COSTRUZIONI VOLLEY LETOJANNI: Schifilliti 3, Mazza, Tomasello, Ruggeri L1, Alderuccio, Bonsignore 9, Boscaini 14, Saraceno 22, D’Andrea11, Fasanaro 13. N.e. Bertone, Mastronardo, Andronico L2. ALL.: Centonze

SET: 24-26, 22-25, 25-18, 25-19, 15-8

ARBITRI: Morello di Catanzaro e Scavelli di Lamezia Terme

[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio