15 Luglio 2020

.......U Pisci feti ra tiesta ! Ovvero la "decadenza" dell´educazione......

08-06-2014 10:40 - .....Susiti e ...abballa!! Rubrica di Franco Gambino
Conversando-con alcuni Amici.... "disquisivamo", l´altro pomeriggio, sulla fatica dei genitori,oggi, nell´educare i propri figli. Questo ´tema´ era dovuto alle recenti note di cronaca sul bullismo o sulla criminalità di gang in età scolare. Ho sostenuto che gran parte di questo tremendo malessere è dovuto a famiglie disgregate, distratte, lassiste, protettive e che, soprattutto, hanno rinunciato al loro ruolo educativo nei confronti dei figli.

Ormai alcuni aspetti educativi di una volta - l´ubbidienza , l´ordine, la cortesia, la "pulizia nel linguaggio", il rispetto verso gli altri e delle cose altrui fanno "sorridere" o sono completamente disattese e sapete perché ? Buona parte dei genitori non crede in questo tipo d´educazione, non la considera e quel che è più grave ha sempre un concetto falsato della libertà, intesa come licenza più che come esemplare autonomia del corretto vivere civile. Spesso si pensa che un bambino si "traumatizzi" se qualche volta si dice un no e che tale concetto educativo invece dovrebbe trovare spiegazione nell´intesa di guida o disciplina dell´educazione.

Per non parlare del modello educativo di massa : "il permissivismo a tutti i costi" che sfocia quasi sempre nell´assenza dell´educare e dell´essere educati ! Se i miei Cari Lettori mi permettono, voglio riportare uno dei Cunti Siciliani più diffusi che potrebbero far riflettere sul concetto : "Educare i figli ....oggi" ........................ Il titolo "Cristofaru , u briganti"-
.......C´era na vota un briganti ca comu tutti i briganti arrubbava, ammazzava e facia cosi tinti contru l´omini. Tanti voti i guardi ci janu ncerca ma iddru, cchiù scaltru r´una vulpi, s´ammucciava n´tà muntagna chi canusceva passu passu di quann´era picciriddu. A so patri ch´era omu onestu, travagghiaturi e timuratu di Diu si cci facia u cori nicu, quannu cci cuntavanu li malifatti di so figghiu , perciò un ghiornu si fici forza e acchhianò ntà muntagna. Camina ca ti camina.....un putia nzirtari unn´era so figghiu. A un certu puntu, d´arreri un´arbulu, spuntò a canna d´un fucili.

"Fermu !...nun mi sparati !....Sugnu lu patri di Cristofaru e vinni pi mmè figghiu ! " . Fu accussì ca stu puvireddu fu accumpagnatu unn´è ca s´ammucciava Cristofaru e l´avutri briganti comu iddu. " Picchì vinistivu Patri ? " dissi Cristofaru quannu lu vitti. "Vinni pi ttia o figghiu ! Vinni pi nzoccu aju ntisu......vinni.... ! - "Aspittati, Patri, pigghiati sta friscagghia e addrizzatila ! " Era un ramusceddu nicu nicu d´arvulu d´alivu, tanticchia stortu comu su l´arvuli d´alivu. Lu vecchiu pigghiò lu ramettu e tempu nnenti l´addrizzò. "Ora addrizzati chistu..." Era un ramettu un pocu cchiù granni e macari chistu l´addrizzò. "E ora addrizzati st´avutru....! " L´urtimu era un ramu grossu , sturtigghiatu e chinu di gruppa... "Cristofaru.....-dissi lu Patri- ma chistu un si po´ addrizzari ! " - "Veru è .....Viriti Patri .....L´omu è comu l´arvulu di l´alivi......si po´ addrizzari quann´è picciriddu......quannu addiventa granni, un si po´ cchiù addrizzari.....!
........Va raticci tuortu !


CORI CUNTENTI
Canto popolare dell´800
Trascriz.Liliana Jaria (ME)
Coro Popolare Siciliano
S.ta Teresa di Riva (ME)


Cori Cuntenti mi pozzu chiamari
E ora chi appi sta pisa di linu.
C´è mè muggheri chi sapi filari
E ogni sé misi lu fusu è chinu
Sparagnatura nun si po´ truvari
Sparagna l´acqua e si vivi lu vinu
Quattrucent´anni mi pozza campari
E l´urtimu jornu dumani matinu.....

TAORMINA

VIDEO


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account