26 Settembre 2020
news
percorso: Home > news > TAORMINA

TAORMINA: Incontro Europeo per il Project VoicEU, come superare l´Euroscetticismo.

22-06-2017 22:09 - TAORMINA
Ha preso il via il Project VoicEU a Taormina, già sede mondiale del vertice dei Capi del G7, per il secondo appuntamento della conferenza europea nell´ambito del Programma "Europe for citizens".

Il primo incontro di levatura europea si è svolta presso Santiago de Compostela, in Spagna, nello scorso mese di marzo.

Continua, quindi, il dialogo tra le delegazioni europee che rientrano nel programma di valutazione 2014/2020 nell´individuare le motivazioni e relative soluzioni al fenomeno, sempre più diffuso, dell´ "euroscetticismo".

Il programma, ricco di seminari e workshop, vede impegnati al progetto "VoicEu" sedici soggetti partner, in rappresentanza di Italia, Spagna, Romania, Portogallo, Slovacchia, Macedonia, Lituania, Lettonia, Ungheria, Serbia, Francia, Grecia, Estonia, Bulgaria e Croazia fino al 25 giugno prossimo nella località siciliana.

I lavori, con un leggero ritardo, sono stati ufficialmente aperti con i saluti delle autorità cittadine, il Presidente del Consiglio Comunale, Antonio D´Aveni e l´Assessore Salvatore Cilona presso l´aula consiliare di Palazzo dei Giurati, sede comunale della città del Centauro.

L´incontro è stato moderato dal giornalista Gianluca Santisi e tradotto dalla dott.sa Emanuela Nastasi, in lingua inglese, per i numerosi partecipanti.

La conferenza europea, che vuole sottolineare gli aspetti che portano ad una maggiore diffusione di sentimenti antieuropeisti, cercando di trovare le soluzioni migliori per contrastare tale fenomeno a tutela e sviluppo dell´idea di Comunità Europea unica, non solo monetaria, che ci siamo dati sul finire della seconda guerra mondiale.

Taormina, grazie al lavoro e alla sinergia degli organizzatori, quali Tino Celisi e Beatrice Briguglio, in qualità di European Project Manager e i numerosi partnership dell´evento (per l´Italia, il Centro Studi di Cultura Europea) sarà cornice delle future soluzioni in contrasto a questo fenomeno di disaffezione verso l´UE e protagonista della firma del "Patto di Fratellanza" che si apporrà domani, sempre a Palazzo dei Giurati.

L´incontro di questa mattina è stato ripreso e mandato in diretta streaming sul sito istituzionale del Comune di Taormina e per tutta la durata della conferenza, la città è stata ancora per una volta raggiungibile dovunque durante lo svolgersi di un importante appuntamento.

Dopo i saluti istituzionali hanno preso la parola le delegazioni che, secondo programma odierno, avrebbero esaminato la situazione e posto in rilievo le mancanze e le possibilità d´intervento per una migliore Europa, partendo dalle nostre comunità, seppur piccole.

Per la Romania ha presentato le sue analisi Ana Vorovenci.
Ha fatto seguito il Portogallo con l´intervento di Cristina Pazos che ha preceduto lo slovacco Sandor Papp.

A seguire ha preso la parola la Macedonia con Robert Donev.
Anche la Francia ha portato il proprio contributo con Chantal Rodriguez Giner
I lavori si sono andati a concludere con gli interventi di Rita Merca della Latvia e Andreja Bogdan della Croazia.

A conclusione degli importanti interventi duranti i quali si è posto l´accento sulle necessità che oggi la Comunità Europea è costretta a misurarsi sono bisogni materiali, sociali e psicologici.

Per sviluppare il senso di appartenenza a questa grande comunità e farci sentire, orgogliosamente, europei, tutti noi necessitiamo di educazione civica e migliore comunicazione, non solo tra le diverse nazionalità, unite sotto un´unica Bandiera, ma anche nei nostri singoli Paesi.

Una migliore e tempestiva comunicazione giornalistica, di qualità, che non prediliga solamente la mera cronaca di quanto si verifica all´interno dei confini nazionali e comunitari.

La Comunità Europea, scossa oggi dal fenomeno della crisi economica da una parte e dal terrorismo dall´altra, deve ritrovarsi unita per superare i numerosi sentimenti antieuropeisti.

Serve quindi una corretta formazione a essere Europa, necessitiamo di cooperare maggiormente tra gli Stati Membri, non solo in termini di sicurezza, dobbiamo capire cosa porta alla separazione o ai tentativi per alcuni Stati, si veda l´esempio recente della Gran Bretagna, il caso Brexit, per cui si rende necessario la creazione di un Osservatorio indipendente qualificato e infine porre l´accento sui capi saldi individuati su ´sicurezza, rispetto e giustizia´.


Le conclusioni sono spettate al Sindaco Eligio Giardina e all´assessore Pina Raneri.

Domani mattina, a partire dalle ore 10:00, verrà siglato il "Patto di Fratellanza" tra tutti i soggetti partner.
La cerimonia sarà moderata dalla progettista europea Beatrice Briguglio.

I lavori del terzo e ultimo giorno si svolgeranno nel pomeriggio di sabato, con inizio alle 15.30.

In agenda il workshop "Europe of the rules and the Europe of the people?".

I lavori saranno introdotti dall´assessore Salvo Cilona, mentre la chiusura della sessione toccherà all´assessore Gaetano Carella.

Chiusa la prima giornata di seminario, le delegazioni hanno avuto modo di visitare la località che li ospita e degustato la qualità della ristorazione di Taormina.

Dopo la tappa italiana, il Progetto "VoicEu" proseguirà con altre tre conferenze europee che avranno luogo nella seconda metà dell´anno a Sofia (Bulgaria), Tallin (Estonia) e Budapest (Ungheria).




Fonte: Rosa Anna Salsa
video
TAORMINA: "Project VoicEU" intervista al Pres. del C. Comunale Antonio D´Aveni
Al 2° Event del Project VoicEU, nella città di Taormina, per lo sviluppo della conferenza europea contro l´Euroscetticismo e il la firma del "Patto di Fratellanza", le dichiarazioni del Presidente del Consiglio Comunale, Antonio D´Aveni.
TAORMINA
VIDEO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio