29 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > News Sicilia

Rapporto del Comitato Pendolari Siciliani Situazione trasporto ferroviario pendolare sulle tr atte Messina-Catania-Siracusa e Messina-Palermo.

27-01-2015 20:11 - News Sicilia
Pochi fenomeni sono più rappresentativi dei cambiamenti avvenuti nel territorio e nella società italiana, nel lavoro e nella domanda di mobilità, come il pendolarismo. Ogni giorno - secondo i dati del Censis - oltre 15 milioni di persone si spostano per motivi di lavoro e studio verso le principali città. È un processo che di fatto riguarda in particolare gli ultimi due decenni perchè in rapida crescita, visto che all´inizio del secolo non arrivavano a 10 milioni.

Purtroppo poco più di 3 milioni sono coloro tra questi che si muovono in treno, una quota minoritaria, sebbene in costante crescita, e nel contesto va evidenziato il rapporto di 10 a 1 tra passeggeri trasportati sulle linee regionali e quelli sulle linee a lunga percorrenza.
Un forte e moderno servizio ferroviario è indispensabile per costruire un sistema dei trasporti efficiente nelle aree metropolitane. Tra l´altro c´è un´altra questione che dovrebbe far riflettere in un periodo difficile per tante famiglie, come la possibilità di ridurre i costi di spostamento utilizzando i mezzi collettivi che per tante persone può rappresentare una vera boccata di ossigeno, oltre che un miglioramento significativo della qualità della vita.

Ed è significativo constatare quanto stia crescendo l´organizzazione della rappresentanza dei pendolari, con comitati oggi diffusi in quasi tutte le Regioni italiane, che chiedono più treni, puntuali, nuovi, puliti. Dare risposta a questa domanda è quanto mai strategico per un Paese come l´Italia, e per questa nostra regione, la Sicilia. La spiegazione delle difficoltà dello spostarsi in treno quotidianamente verso le principali città siciliane è semplice, basta guardare i dati sugli investimenti per il servizio, l´acquisto di materiale rotabile e le infrastrutture.
Qualcosa di più è stato fatto negli scorsi anni acquistando nuovi treni "Minuetto", condizione fondamentale non solo per migliorare la qualità del viaggio per i pendolari ma anche per aumentarne il numero in circolazione e migliorare la puntualità (i ritardi dipendono anche dal sovraffollamento delle carrozze).

Il trasporto ferroviario siciliano in questi ultimi anni sta attraversando momenti veramente difficili. Sono molti i territori che si sono visti azzerare quasi del tutto il trasporto ferroviario: Siracusa, Ragusa, Modica, Gela, Caltanissetta, Caltagirone, Alcamo-Trapani Via Milo.
La marginalità degli investimenti per il trasporto ferroviario in Sicilia è evidente e gli investimenti statali e regionali premiano la stradaa danno della ferrovia. Il tema appena introdotto deve entrare nell´agenda delle politiche nazionali e regionali, passando attraverso maggiori risorse per il servizi o di trasporto pendolare. Ebbene, i cittadini che ogni giorno si muovono in treno sono l´interlocutore fondamentale delle strategie di potenziamento del servizio, con il confronto, la partecipazione e l´informazione dei pendolari, per dare forza alla prospettiva di un potenziamento del servizio, per monitorare il servizio sulla rete (puntualità, grado di affollamento, igiene, climatizzazione, informazione, ecc.).

Le Regioni hanno, ovviamente, la possibilità di ampliare la quantità degli investimenti, perché le "prestazioni" sono state definite nei cosiddetti Contratti di Servizio che tutte le regioni, Sicilia a parte hanno posto in essere a partire dal 2009.

Con il Contratto di Servizio da un lato l´impresa ferroviaria si impegna all´erogazione di un quantitativo di treni-km e al rispetto di determina ti indici di qualità (relativi a pulizia, comfort, informazione e puntualità delle corse), dall´altro lato l´amministrazione regionale stabilisce un corrispettivo economico per l´erogazione di tali servizi. In ultimo, il Contratto di Servizio stabilisce le penali da applicare al gestore dei servizi in caso di non rispetto degli indici di qualità definiti dal Contratto: le risorse generate dall´applicazione di queste sanzioni sono speso risultate consistenti, permettendo un reinvestimento diretto nel servizio, mentre alcune Regioni hanno scelto di riutilizzare le risorse generate dall´applicazione delle suddette penali per un rimborso sotto forma di bonus da restituire agli abbonati.
L´indagine condotta nelle giornate lavorative del periodo novembre-dicembre 2014, riguarda due rilevazioni dati rispettivamente di 2.578 treni sulla direttrice jonica Messina- Catania-Siracusa e 1.134 treni sulla direttrice tirrenica Messina-Palermo.

Direttrice jonica Messina-Catania-Siracusa (dal 10/11 al 31/12/2014)
Per quanto concerne la Messina-Catania-Siracusa, la tabella seguente mostra più specificatamente la distribuzione dei 2.578 treni monitorati secondo la puntualità, oppure se arrivati a destinazione prima dell´orario previsto, o se soppressi. Sul totale dei 2.578 treni monitorati, il 60,20% (1.552 treni) è arrivato in ritardo oppure è stato soppresso, mentre i treni arrivati in anticipo sono 838 (32,51%) e solo il 7,29% (188 treni) è arrivato in perfetto orario. Ancora una volta si conferma il trend di treni arrivati in anticipo, vale a dire che ogni giorno un treno su tre arriva prima dell´orario previsto. Dai calcoli eseguiti, le ore complessive di ritardo che i pendolari hanno perso a causa dei ritardi accumulati dai treni si attestano oltre le 163 ore (precisamente 9.791 minuti).
Nello stesso bimestre abbiamo rilevato, per la tratta in parola, 56 treni soppressi, pari al 2,17% del totale. Tale dato risulta ancora più significativo se associato al numero di
Km/treno soppressi: nel periodo di monitoraggio, la tratta ferroviaria è stata privata di 3884 Km/treno, dato ovviamente sottostimato, in considerazione del fatto che la nostra indagine non è stata estesa anche ai treni che circolano nelle giornate festive.I treni in ritardo entro i 5 minuti sono 834 pari a l 32,35%: per Trenitalia il ritardo sino a cinque minuti non viene considerato come "ri tardo". Ancora più in dettaglio 310 treni, pari al 12,02%, hanno ritardato tra i 6 e i 10 minuti, 188 treni (il 7,29%) da 11 e 20 minuti, e ben 164, cioè il 6,36% è arrivato a destinazione con oltre 20 minuti di ritardo. Altresì i dati raccolti dimostrano di fatto che, i cospicui aumenti dei tempi di percorrenza hanno consentito anche questa volta ad un terzo dei treni di arrivare in anticipo sull´orario ufficiale previsto, accumulando 1383 minuti di anticipi, pari a quasi 23 ore.

Direttrice tirrenica Messina-Palermo (dal 17/11 al 31/12/2014)
L´analisi eseguita sulla Messina-Palermo, ha riguardato invece 1.134 treni. Il 67,20% , pari a 762 treni, è arrivato in ritardo oppure è stato soppresso, e parallelamente quelli arrivati in anticipo sono stati 290 (25,57%). Soltanto il 7,23% (82 treni) è arrivato in perfetto orario. Dai calcoli eseguiti, le ore complessive di ritardo che i pendolari hanno perso a causa dei ritardi accumulati dai treni sulla tratta Messina-Palermo si attestano anche qui oltre le 200 ore (204 ore, pari a 12.272 minuti).

Nello stesso bimestre abbiamo rilevato la soppressione di 23 treni, pari al 2,03% del
totale monitorato. Anche qui il dato risulta più significativo se associato al numero di Km/treno soppressi: nel periodo di monitoraggio, la tratta ferroviaria è stata privata di 5946 Km/treno, ricordiamo dato sottostimato, in considerazione del fatto che la nostra indagine non è stata estesa anche ai treni che circolano nelle giornate festive.

I treni in ritardo entro i 5 minuti sono 257 pari al 22,66%, poi 163 treni, pari al 14,37%, hanno ritardato tra i 6 e i 10 minuti, 181 treni (il 15,96%) da 11 e 20 minuti, e ben 138, cioè il 12,17% è arrivato a destinazione con oltre 20 minuti di ritardo. I cospicui aumenti dei tempi di percorrenza hanno consentito anche questa volta ad un terzo dei treni di arrivare in anticipo sull´orario ufficiale previsto, accumulando 839 minuti di anticipi, pari a circa 14 ore.
I risultati sono alquanto evidenti ed in molti casi la situazione è anche più drammatica in quanto, a questi allungamenti si sommano i continui ritardi che molte delle volte, vista la troppa elasticità della traccia oraria, diventano anticipi azzerando così gli stessi ritardi.

Dalla nostra analisi effettuata, abbiamo calcolato che è possibile ridurre i tempi di percorrenza almeno di un 10-15%, ovvero di 10/15 minuti per ogni traccia oraria. Allungamenti che si manifestano in tutta la loro drammaticità con i vari cambi di orario e fanno seguito a scelte strane e sconsiderate sul trasporto pubblico ferroviario siciliano, andando a penalizzare persino i treni diretti e, per di più un treno viene considerato "puntuale" pur avendo un ritardo compreso tra i 5 minuti.

Si da molto spesso la precedenza, sulla pelle di centinaia di migliaia di pendolari, che costituiscono la stragrande maggioranza dei viaggiatori giornalieri, a treni Intercity, Espressi, e persino ai treni merci. Per i pendolari siciliani viaggiare è sempre più un´o dissea, sui treni ormai si bivacca visti i lunghi tempi di attesa nelle varie fermate 5/10/15 minuti di attesa, sia sulla direttrice jonica (Fiumefreddo, Alcantara, Letoianni, Santa Teresa Riva) che sulla direttrice tirrenica (S.Agata Militello, Capo d´Orlando-Brolo-Patti e Barcellona P.G., Brolo/Gioiosa Marea, Milazzo e Cefalù).

Incroci calcolati senza un senso logico, coincidenze con altri treni non previste e, guarda caso viene annunciato da Trenitalia, che la puntualità dei treni è in netto miglioramento, cioè che le cose vanno meglio. Chi controlla l´operato di Trenitalia? I km/treno soppressi dovranno essere rimessi in
esercizio? Verranno pagati comunque? Chi di competenza dovrà, se previsto, sanzionare l´operato di Trenitalia?

Questi sono solo alcuni dei quesiti per i quali chiediamo risposte certe ed esaustive da parte degli organi competenti. Tutto ciò è inconcepibile e dimostra, ancora una volta, l´assoluta mancanza di attenzione verso i pendolari da parte delle dirigenze di Treni talia e di Rete Ferroviaria Italiana, nel far funzionare dignitosamente il servizio di trasporto ferroviario a loro affidato. Compito cui le due aziende hanno nei confronti dello Stato e dei cittadini-utenti e alla Regione Siciliana che in questi anni ha portato a termine, dal punto di vista amministrativo, le disposizioni emanate dal decreto legislativo 422/97 relativo al passaggio delle competenze in materia di trasporto pubblico ma non è ancora, riuscita a farsi trasferire dal Ministero le risorse finanziarie previste nell´accordo di programma per il trasporto ferroviario isolano, per ottemperare alla sottoscrizione del Contratto di Servizio per il trasporto ferroviario. Nel contratto di servizio occorre tenere presente due cose: la prima, che Trenitalia farà valere tutto il suo peso presentando un Contratto di Servizio ad uso e consumo essendo in regime di monopolio e la seconda alla Regione di non cadere nella trappola del treno della politica.

Continueremo come sempre, con ogni mezzo legale, nella nostra battaglia per una mobilità eco ed equo-sostenibile che veda uscire finalmente la Sicilia da quella gogna di arretratezza in cui la totale assenza di un´attenta programmazione in materia di trasporti e di infrastrutture, è stata relegata dalla politica regionale e nazionale.

Fiumefreddo di Sicilia, 15 gennaio 2014
Giosuè Malaponti - Comitato pendolari Siciliani - Ciufer

TAORMINA
VIDEO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio