11 Agosto 2020
news
percorso: Home > news > News Sicilia

I treni non superano lo Stretto...e l´Assessore Pizzo pensa ai grossi investimenti. Nota del Comitato dei Pendolari Sicilia.

27-01-2015 20:39 - News Sicilia
Desideriamo intervenire sulle dichiarazioni dell´assessore Pizzo ai microfoni del Tgr Sicilia di sabato 24 gennaio scorso.

In mancanza di investimenti, di ammodernamento/velocizzazione delle attuali linee ferrate la Regione Sicilia è cauta e punta su obiettivi precisi. L´Assessore Pizzo ai microfoni del Tgr Sicilia dichiara: - "Avere dei servizi moderni e migliori di quelli attuali e quindi più efficienti ed efficaci e quindi minori tempi. L´attraversamento dello Stretto è una rottura di carico che dura tra le 2 ore e le 2 ore e mezzo, quindi è inutile fare l´alta velocità. Poi quando ci siano dei tempi di percorrenza che complicano a fermarsi. Noi dobbiamo puntare a servizi migliori non spaventandoci dei cambiamenti e delle modernità". Continua l´assessore Pizzo (dice il cronista) che ricorda il progetto dei 5 miliardi per la CT-PA-ME e sulla volontà da parte di RFI (Rete Ferroviaria Italiana) di non penalizzare la Sicilia. E sull´attraversamento dello Stretto continua: - "Ciò sarebbe antinomico, assurdo e contraddittorio che se in cambio di questo grossissimo investimento in infrastruttura si avesse una diminuzione dei servizi".

Dichiarazioni che riteniamo senza un senso logico e senza una presa di posizione a tutela dei posti di lavoro e per salvaguardare quei cinque treni rimasti che ci collegano al "Continente Italia" nel rispetto della "Continuità Territoriale" e dell´art. 3 della Costituzione Italiana. E che qualcuno spieghi ai Siciliani quali sono gli obiettivi della Regione in ordine alla mobilità per l´attraversamento dello Stretto>>.


Nota Stampa - Comitato Pendolari Siciliani.

TAORMINA

VIDEO


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio