01 Ottobre 2020
news
Il momento in cui Massimo Stracuzzi parla con i due capogruppi.

Nel Consiglio Comunale bis di Savoca, ancora una volta Pietro Santoro fa colpo. La maggioranza approva il regolamento raccolta differenziata e parcheggi a pagamento.

11-07-2016 14:04 - VALLE DELL´AGRO´
Savoca - Giovedi scorso si è riunito il Consiglio Comunale di Savoca in sessione urgente, 24 ore dopo la prima convocazione rinviata dopo la presa di posizione del capogruppo di minoranza Pietro Santoro in apertura dei lavori , quale faceva rilevare "l´irregolarità della convocazione del civico consesso in difformità all´articolo 16 del regolamento comunale, tanto da invocare occupando l´aula l´intervento del Prefetto. La maggioranza pur considerando giusta la convocazione, dopo la sospensione, opta per il rinvio del Consiglio.

Si riprende alle ore 19.00 di Giovedi 7 Luglio, la maggioranza presente al completo, per la minoranza Pietro Santoro e Nino Altadonna (assenti Bottari e Nicita), con il Presidente del Consiglio – Massimo Stracuzzi - che apre i lavori con la lettura dei verbali seduta precedente, la sorpresa era dietro l´angolo: entra in scena il capogruppo di minoranza Pietro Santoro che fa rilevare che non risulta a verbale la sua dichiarazione di voto nella delibera n.27 del precedente consiglio riguardo il bilancio di previsione.

Apriti cielo, l´atmosfera già tesa, esplode nel botta e risposta tra Pietro Santoro e il capogruppo di maggioranza Sergio Trimarchi, tanto ad indurre più di una volta il Presidente del Consiglio – Massimo Stracuzzi – a convocare sul tavolo della presidenza i due rappresentanti per abbassare i toni.

Ben 55 minuti di discussione, risultato che nei documenti agli atti non si trovava tale dichiarazione, alla fine ci pensa lo stesso Santoro dettando al segretario, visto l´accaduto ha invitato il Presidente di provvedere alla registrazione dei Consigli Comunali, la motivazione del voto contrario " costatato che stranamente non risulta a verbale la sua precedente deposizione, prima della motivazione ...invita usando il termine "con preghiera" al segretario di ripubblicare l´atto deliberativo in questione....in quanto non si è tenuto conto delle categorie più deboli, come gli anziani e disabili, asilo.......

Su tali requisiti si apre un dibattito acceso tra Santoro e Trimarchi, quest´ultimo rinvia al mittente le accuse che arrivano dai banchi dell´opposizione "il bilancio è stato viscerato in tutte le sue parti, abbiamo approvato un bilancio più che dignitoso, dove ci sono anche le risorse per le categorie più deboli".

Nel duetto Santoro-Trimarchi, entra in scena Nino Altadonna dispettito dall´atteggiamento assunto da alcuni consiglieri di maggioranza che vengono richiamati al senso di responsabilità su problematiche importanti della comunità savocese, invitando i colleghi consiglieri di essere liberi nel pensiero, di essere liberi di ogni vincolo, di non accettare tutto quello che viene preconfezionato dall´esecutivo come nella richiesta fatta di dividere la somma di 60 mila euro destinati agli anziani anche per i disabili (30 mila euro), vi siete dimostrati - fa notare il consigliere di minoranza Nino Altadonna - insensibili, vi siete irrigiditi sulla vostra posizione".

Non ci sta Sergio Trimarchi che rimanda al mittente le accuse, noi siamo vicini alle esigenze dei nostri cittadini.... A sostegno della tesi del capogruppo di maggioranza il Presidente del Consiglio Massimo Stracuzzi "a breve sarà aperto l´Asilo Nido di S. Francesco di Paola......".

Dopo 55 minuti sul primo punto, ecco che si volta pagina con il secondo argomento posto all´ordine del giorno: regolamento della raccolta differenziata. Anche su questo punto, non sono mancate le critiche dei due consiglieri di minoranza: " un regolamento restrittivo, non tiene conto della realtà savocese, non si tiene conto delle categorie più deboli, ma solo controlli e sanzioni, questo non è accettabile, troppo sanzionatorio".

Di altro parere il capogruppo di maggioranza Trimarchi " un regolamento che tiene conto della realtà savocese recependo le normative che ci vengono date dalla Regione...senza sottrarci da eventuali modifiche". Dai banchi dell´opposizione arriva il suggerimento di provvedere ad un centro di raccolta differenziata con orari di apertura vigilata".

Alla fine il regolamento passa solo con i voti della maggioranza con voto contrario dei consiglieri di minoranza " non accettiamo i pacchetti confezionati dal governatore Crocetta, questa non è democrazia, si deve votare un regolamento in cui non si possono fare delle modifiche, anche perché la nostra realtà è diversa dai grandi centri in cui è abituato il governatore".

Posizioni diverse anche nel terzo punto riguardante il regolamento di un parcheggio a pagamento nel centro storico ed affidamento ad una ditta esterna. " un regolamento calato dall´alto – sostiene Pietro Santoro – impropriamente dalla Giunta, invece è di competenza del Consiglio". "Un regolamento da rivedere – afferma Nino Altadonna – attraverso una Commissione".

Altra pecca trovata al regolamento: nessun riferimento alle tariffe ma soprattutto nessun proventi in favore delle casse comunali, meglio gestirle in modo proprio portando dei benefici alle casse comunali".

"Savoca è interessata da un notevole flusso veicolare turistico – sostiene il capogruppo di maggioranza Sergio Trimarchi - è giusto regolamentare il traffico nel centro storico, dove abbiamo previsto dei pass d´accesso (al riguardo è intenzione installare una barriera tecnologica ad inizio del centro storico). Abbiamo previsto anche una regolamentazione dei parcheggi a pagamento (circa 100 stalli)".

Anche qui, il tutto passa con i soli voti della maggioranza.

Intervista al termine dei lavori consiliari al capogruppo di maggioranza Sergio Trimarchi che spiega le posizione dell´amministrazione riguardo la raccolta differenziata e regolamento parcheggi a pagamento.

TAORMINA
VIDEO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio