15 Luglio 2020
news
Salpietro, Caudo e Gangemi.

Immunodeficienze nei bambini, 10 sintomi da non sottovalutare. Al Policlinico di Messina attivi un numero e un´email per una diagnosi precoce.

02-05-2015 09:26 - News MESSINA e PROVINCIA
Come scoprire i sintomi delle immunodeficienze, non sottovalutare campanelli d´allarme soprattutto nei bambini e sensibilizzare l´opinione pubblica riguardo a queste patologie spesso non riconosciute per tempo: test, diagnosi precoce e trattamento ottimale le parole chiave dell´incontro all´Ordine dei Medici in occasione della giornata mondiale.

All´incontro hanno preso parte Giacomo Caudo, presidente dell´Ordine dei Medici e degli Odontoiatri e componente del Comitato Centrale FNOMCeO; Carmelo Salpietro, direttore dell´UOC Genetica e Immunologia Pediatrica e del Centro di Riferimento Regionale per la Prevenzione, Diagnosi e Cura delle Malattie Genetiche; Sebastiano Gangemi, direttore dell´UOC di Immunologia e Allergologia, e Paola Quattrocchi.

"Sono ben 250 le immunodeficienze codificate - ha spiegato Salpietro - ma ne esistono altre nuove. Presso la nostra Unità operativa del Policlinico sono attivi un numero (345.0648206) e un´email (immunopedmessina@yahoo.it) di Pronto Allergia Infezioni Bambini a disposizione di chi sospetta una immunodeficienza con l´obiettivo di supportare pazienti, genitori e pediatri di famiglia, avviare tempestive e corrette diagnosi e relativi trattamento per evitare complicanze".

Salpietro ha illustrato un elenco dei 10 sintomi da tenere sott´occhio:
otto o più infezioni nel corso di un anno;
due o più gravi infezioni sinusali nel corso di un anno;
due o più mesi di cure antibiotiche effettuate con scarso effetto; due o più polmoniti nel corso di un anno;
il bambino non aumenta di peso o non cresce correttamente;
ascessi ricorrenti nel derma o negli organi;
afte persistenti nella bocca o in altre parti del corpo dopo il primo anno di età;
necessità di ricevere gli antibiotici per via endovenosa per eliminare le infezioni;
due o più infezioni profonde come: meningite, ostomielite, cellulite (infezione del tessuto sottocutaneo),sepsi;
presenza nella stessa famiglia di casi di immunodeficienza primitiva.

Gangemi ha parlato invece delle immunodeficienze dell´adulto. "Purtroppo spesso non viene riconosciuta la causa iniziale e passano molti anni prima di avere una diagnosi esatta. L´immunodeficienza comune variabile, per esempio, è la più frequente immunodeficienza primitiva, la cui incidenza maggiore è fra i 15 e 30 anni e ha complicanze infettive, autoimmuni e neoplastiche".


Fonte: redazione

TAORMINA

VIDEO


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account