11 Agosto 2020
news
percorso: Home > news > Furci Siculo

Furci Siculo: La minoranza "in spiaggia" chiede "lumi" sulla "Bandiera Blu" con un'interrogazione al Sindaco Francilia.

14-07-2020 12:50 - Furci Siculo
Il sogno blu della riviera jonica, ovvero la “Bandiera Blu”, un riconoscimento che ogni anno la Foundation for Environmental Education in Europe (FEEE) assegna ai Comuni che rispondono a specifici requisiti di natura sia turistica che ambientale.

S. Teresa di Riva è al suo quarto anno consecutivo, Alì Terme si presenta da matricola, alla sua prima volta, Roccalumera ha tentato di averla, ma non ci è riuscito, Furci Siculo? Questa la domanda che viene rivolta dai tre rappresentanti della minoranza di Furci Siculo, Ucchino Rosaria, Pistone Agatino e Mascena Paolo, al Primo Cittadino Matteo Francilia, all’Assessore all’Arredo Urbano manutenzione e verde pubblico, all’Assessore all’ambiente e turismo, oltre al Presidente del Consiglio Carmelo Maccarrone, “Se il Comune di Furci Siculo ha intrapreso il percorso amministrativo che possa consentire, al pari dei Comuni vicini, di ottenere la Bandiera Blu; Se sussistono allo stato le condizioni previste per legge per raggiungere e ottenere il riconoscimento”.

I tre firmatari dell’interrogazione di “Disegniamo il Futuro” impegnano il Sindaco e l’Amministrazione “Perché possa essere avviato o, se già avviato, completato nel più breve tempo possibile, il procedimento amministrativo che porti il riconoscimento della Bandiera Blu anche nel nostro amato Comune”.

Su quali principi si basa l’iniziativa dei tre consiglieri di chiedere “lumi”, ovvero che anche sul lungomare di Furci Siculo, non per questa stagione, ma si spera per la prossima si possa vedere sventolare la “Bandiera Blu”, un biglietto d’immagine di rilevante importanza per tutto quello che ci ruota attorno.

Nella loro interrogazione Ucchino, Pistone e Mascena fanno una premessa:

“Che il limitrofo Comune di S. Teresa di Riva ha avuto riconosciuta per il quarto anno consecutivo la Bandiera Blu;

Che quest’ambito riconoscimento è stato ottenuto per la prima volta anche dal viciniore Comune di Alì Terme;

Che il mare antistante Furci Siculo presenta senz’altro analoghi potenziali requisiti;

Che Codesta Amministrazione ha riferito come obiettivo programmatico quello di puntare sul turismo estivo in modo tale da far tornare Furci Siculo fiore all’occhiello della riviera ionica e come detto più volte, renderlo un villaggio turistico amministrativo che porti il riconoscimento della Bandiera Blu anche nel nostro amato Comune”.

Questo quello che scrivono i tre consiglieri di minoranza nell’interrogazione presentata ieri mattina, la nostra domanda sorge spontanea, al momento il paese di Furci Siculo ha i requisiti richiesti per sventolare la “Bandiera Blu”? Si sa cosa vuol dire essere un Comune Bandiera Blu: qualita' delle acque, ovvero perfetta validità delle acque di balneazione, qualita' della costa, efficienza dei depuratori, servizi e misure di sicurezza, -stabilimenti balneari vigilati da personale di salvamento, educazione ambientale, ovvero raccolte differenziate, agevolazioni per i disabili e arredo urbano ben curato.

In attesa che anche Furci Siculo,un giorno possa diventare “Blu” come si augurano Pistone, Mascena e Ucchino, per l’estate 2020 otto sono le località siciliane che si possono sfregiarsi di questo riconoscimento: oltre a S. Teresa di Riva, per la prima volta Alì Terme, fanno parte anche Menfi, Lipari, Tusa, Pozzallo Marina di Ragusa e Ispica, quando ritroveremo Furci Siculo sull’ottovolante delle consorelle siciliane?



Fonte: di "M. Muscolino"

TAORMINA

VIDEO


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio