27 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > Attualità

Buche stradali, ecco quando paga il Comune.

01-05-2014 22:01 - Attualità
Se la strada è dissestata, il pericolo è prevedibile, il Comune non è responsabile. Lo afferma la Cassazione civile, sez. III, con sentenza del 20/01/2014 n. 999.

Invece, se si sprofonda in una buca presente sul manto della carreggiata non segnalata e dovuta a lavori stradali in corso o nelle vicinanze dell´area di un cantiere, la responsabilità è duplice: del Comune e della società appaltatrice dei lavori pubblici.

Il Comune è tenuto a risarcire i danni cagionati da insidia o trabocchetto, ad esempio un tombino o una buca che non si vede e il conducente di un veicolo rimane coinvolto in un incidente. Lo ha stabilito un altra sentenza della Cassazione, confermando la decisione di primo grado del tribunale di Romauna trasportata a bordo di un motociclo.

La stessa Corte si era pronunciata con sentenza n. 1691/09 che in parte riportiamo: «Sono gli enti pubblici che devono esercitare un continuo ed efficace controllo, idoneo ad impedire l´insorgenza di cause di pericolo per i terzi». Puntualizza inoltre (ed è la vera portata innovativa della sentenza), nell´ipotesi in cui abbia affidato in appalto la manutenzione stradale ad una o più ditte private, che ciò non trasferisce l´obbligo di custodia del bene demaniale dal Comune alle imprese appaltatrici; anche in questo caso, permane in capo all´Ente proprietario il dovere di sorveglianza. Sempre la stessa Cassazione, con riferimento alla manutenzione delle strade, ha stabilito che «l´appaltatore deve ritenersi unico responsabile dei danni derivati a terzi dall´esecuzione dell´opera».

Inoltre è responsabile, delle "trappole stradali", il titolare della ditta appaltatrice delle opere di manutenzione del manto stradale e risponde d´omicidio colposo, se, nel tratto di competenza, la presenza di buche ha determinato un incidente mortale, in quanto tale soggetto non ha adempiuto gli obblighi connessi alla sorveglianza e al pronto intervento sulla sede stradale. Lo ha deciso la Cassazione penale, sentenza n. 6267/08 sez. IV.

Paolo Amato
TAORMINA
VIDEO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio