26 Febbraio 2024
news
percorso: Home > news > TAORMINA

Taormina: “Difendiamo l’ospedale. Propongo a Bolognari e De Luca un sit-in, protestiamo insieme”

14-04-2023 12:45 - TAORMINA
Per due ore niente campagna elettorale uniti tutti e 3 per il Nostro ospedale” questo è l'appello lanciato da Antonio D'Aveni dal suo profilo social contro la chiusura del Reparto di Cardiochirurgia Pediatrica dell'Ospedale Sirina (convenzione in fase di scadenza col “Bambin Gesù” di Roma) che è divenuta un'eccellenza sul e per il territorio meridionale dell'Isola.

Il nosocomio taorminese, interessato da un decennio ad un continuo e lento depauperamento, tra posti letto, ridimensionamento o dismissione di reparti importanti quali Nefrologia- Dialisi, Urologia, Ematologia, con l'aggravio della riduzione di personale medico, rischia di perdere definitivamente il Centro Cardiochirurgico Pediatrico del Mediterraneo (CCPM) meglio noto come “Bambin Gesù”.

E' prevista l'audizione dell'Assessore Regionale alla Salute, Giovanna Volo, chiamato a rispondere sulla proroga tra l'ASP Messina e Fondazione Bambin Gesù di Roma. Audizione che (come riporta il sito dell'Assemblea Regionale Siciliana) è in programma mercoledì 19 aprile nella quale interverranno il commissario straordinario ASP di Messina, dott. Alagna Bernardo, e il direttore sanitario ASP di Messina, dott. Sindoni Domenico.

A difesa dell'importante reparto ospedaliero pure le sigle sindacali.
La UIL FPL di Messina ha presentato un documento in audizione in VI Commissione Sanità a firma del segretario Livio Andronico e del segretario aziendale del Sirina di Taormina, Giovanni Caminiti che riportiamo per completezza d'informazione:


La scrivente Organizzazione sindacale, esprime notevoli perplessità, in merito alle dichiarazioni effettuate nel mese di gennaio dall'Assessore Regionale alla Salute dott.ssa Giovanna Volo, che si era espressa positivamente per il mantenimento della Cardiochirurgia Pediatrica di Taormina. Purtroppo, la nuova Dotazione Organica, pubblicata il 9 aprile 2023 sul sito aziendale Asp 5, (atto deliberativo n° 1492 /CS del 7/04/2023), non prevede tale importantissima Unità Operativa nel Presidio Ospedaliero di Taormina. Tutto ciò, a nostro avviso, penalizza l'Ospedale DEA di I° Liv., nonché, i cittadini dell'intera Area Metropolitana dello Stretto ed anche quelli provenienti da altri Paesi, che fino ad ora si sono rivolti a tale struttura, quale eccellenza Siciliana del Mezzogiorno d'Italia, per affrontare e risolvere le sofferenze relative alle patologie appartenenti alla Cardiochirurgia Pediatrica. Non vorremmo minimamente immaginare, che si stia pensando di attuare una definitiva soppressione dell'unico Centro Cardiochirurgico Pediatrico del Mediterraneo. Pertanto, la scrivente organizzazione sindacale, chiede a codesto Governo Regionale, il mantenimento degli impegni assunti ed evitare così una ulteriore penalizzazione della Sanità della Provincia di Messina, già abbondantemente mortificata dalle scelte degli ultimi anni. Per quanto sopra esposto, al fine di chiarire l'intera questione, la UIL FPL di Messina, chiede audizione in VI Commissione Sanità. Nel porgere Cordiali Saluti, si rimane in attesa di urgente riscontro."

Antonio D'Aveni, candidato Sindaco della civica coalizione Orgoglio Taormina, dal proprio canale social propone un sit-in a 3 a difesa e tutela del P.O. “San Vincenzo” di Taormina per giovedì 20 aprile.

Ritengo sia opportuno organizzare una manifestazione a difesa dell'ospedale di Taormina, nella sua interezza, e mi sto già muovendo in questa direzione – sostiene D'Aveni - per me non sarà la prima volta e non è un'iniziativa ‘elettorale'.”

Chi conosce la mia storia politica e personale – sostiene il candidato Sindaco - sa che ho già fatto delle battaglie, vere e anche dure, per il San Vincenzo in passato, quando da presidente del Consiglio, insieme ad altri colleghi consiglieri, amministratori e amici del comprensorio, ci siamo incatenati davanti all'ospedale.”

Ribadisco che bisogna battere i pugni nei confronti della Regione Siciliana. Credo che bisogna farsi sentire di nuovo, con una voce forte e determinata, per arginare questi continui tagli che, purtroppo, stanno interessando il nostro ospedale – dichiara D'Aveni - non si può rimanere fermi e inermi mentre avviene un ridimensionamento sistematico dei reparti dell'ospedale.”

Chiederò le autorizzazioni per fare questa manifestazione il 20 aprile e intendo invitare anche gli altri due candidati a sindaco Cateno De Luca e Mario Bolognari – conclude D'Aveni - Li invito a protestare insieme a me. E' opportuno sospendere per qualche ora la campagna elettorale e unire le forze, per mettere insieme in evidenza la grave problematica del depotenziamento del San Vincenzo. Chiedo ai colleghi candidati e ai loro staff di contattarmi. Io nel frattempo farò le comunicazione dovute per ottenere le necessarie autorizzazioni.”



Fonte: Rosa Anna Salsa

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie