25 Giugno 2022
news
percorso: Home > news > Cultura

S.Teresa di Riva: Il Caffè D'Arte e l'Arma dei Carabinieri contro le Truffe agli Anziani. Omaggio alla Donna da parte degli artisti nella lotta contro la violenza alle donne.

01-12-2021 21:39 - Cultura
Il Caffè d’Arte “Il Paese di Fronte al Mare” per il sociale ha avuto l’occasione di ospitare l’Arma dei Carabinieri per curare l’evento “Truffe per gli anziani: informarsi per difendersi”.
In assenza del Capitano Giovanni Riacà, Comandante della C.C. di Taormina Comandante, per motivi istituzionali a Roma, il Tenente Polisano è stato presentato da una emozionata Melina Patanè, considerando la sua personale vicinanza affettiva all’Arma, essendo figlia di carabiniere.

Presenti all’importante incontro anche il Comandante della Stazione Carabinieri di S. Teresa di Riva, Luogotenente Maurizio La Monica e gli Assessori Comunali Annalisa Miano e Gianmarco Lombardo.
L’assessore Miano ha ringraziato il costante ed importante lavoro dell’Arma dei Carabinieri nella cittadina. “Se viviamo in un’isola felice, questo lo dobbiamo quasi certamente al vostro costante contributo per la nostra sicurezza e la lotta contro la microcriminalità. Il nostro paese ha una grande fortuna che è data dalla collaborazione tra gli Enti, la scuola, le Forze dell’Ordine, le parrocchie e le associazioni. Tra tutte queste figure vi è lavoro di squadra e questo diviene il caposaldo della comunità stessa.”

L’assessore Lombardo ha centrato la tematica sulla richiesta di sicurezza che nasce dal periodo pandemico che stiamo vivendo. “A mio avviso la pandemia, nonostante un primissimo sentire comune positivo, ci ha imbruttito e il vostro lavoro si è incrementato perché si sono incuneati le violenze. La vostra risposta è sempre pronta e vicina a tutti noi nel dare sicurezza e garantire la legalità nel territorio.”

Il Tenente Polisano dopo aver ringraziato per l’accoglienza e l’affetto dimostrato verso l’Arma, ha esordito citando i diversi casi che i criminali mettono in atto per carpire la fiducia dei più deboli al fine di derubarli, procurando spesso molto danno, soprattutto a livello psicofisico e sul sentirsi al sicuro. “Siamo i custodi del territorio, come Arma siamo molto sensibili alle truffe agli anziani, anche se non capitano solo a loro. Questi atti delinquenziali ci toccano personalmente, perché nonostante gli sforzi notevoli nel controllo, ci sentiamo coinvolti se non riusciamo a far sentire al sicuro la nostra cittadinanza.

Sul territorio non abbiamo, per fortuna, un fenomeno allarmante – ha dichiarato il tenente Polisano - la truffa avviene da soggetti ben vestiti, professionisti del raggiro, spesso camuffati da atteggiamenti tranquilli ed educati. Le truffe sono immense, bisogna diffidare di tutti, non si deve dar modo alcuno di farsi avvicinare perché sono abili da adottare tecniche specifiche per ingannare il malcapitato. Per cui è importante non far entrare nessun estraneo nel proprio domicilio. Come si fa a cadere nei tranelli? Riescono a entrare nella psicologia dell’individuo con determinazione e capacità.

In caso di truffa o per evitarla in tempo si deve chiamare il 112. Una nostra pattuglia arriverà nel breve tempo possibile a tutela del cittadino – ha concluso Polisanonoi, come Arma, vogliamo essere d’aiuto e lo facciamo con spirito di servizio e amore.

I cortometraggi diretti da Carlo Barbera con “La Bottega degli Artisti” ha infine riproposto quelli che sono le truffe tipiche in cui le vittime sono gli anziani ponendo l’accento sulla necessità di evitare di farsi avvicinare dai malviventi per non incorrere in pericolo. Durante la visione dei corti un affettuoso saluto è andato al compianto Giorgio Fleri, che fu diretto da Barbera nella realizzazione dei filmati.

Il Tenente Polisano a conclusione del suo intervento si è complimentato con la comunità santateresina per come si è saputa organizzare a tutela della sicurezza locale tramite la propria Forza di Polizia Municipale e l’uso del sistema di video sorveglianza, la quale riesce a dare un supporto notevole nella lotta al crimine, non solo al rispetto del codice stradale. Ha altresì ringraziato l’operosità del Comandante della Stazione CC di Santa Teresa di Riva, il Luogotenente La Monica, in tema di controllo e sicurezza a beneficio della legalità per la comunità.
Durante l’incontro si è preso l’impegno di istituire nuovi appuntamenti per la legalità insieme all’Arma al fine di arrivare a tutte le realtà esistenti in loco e far sentire sempre più questa vicinanza tra comunità e Carabinieri.

Nella seconda parte dell’appuntamento associativo si è dato spazio alla Giornata Internazionale Contro la Violenza sulla Donna. Intense ed emozionanti le parole del Poeta Nino Rizzo che ha scritto una poesia dedicata alla moglie. Il messaggio d’amore però è rivolto a tutti coloro che pensano si debba prevaricare sulla donna, oltraggiandola nell’essenza senza rispetto alcuno. Poi è stato il momento di Carmelo Cocuccio, il quale ha omaggiato il grande Quasimodo, ed è stato musicalmente accompagnato da Jana Jankovic, Maestra d’Orchestra Sinfonica.

Ha fatto seguito lo scrittore Renato di Pane che dopo aver ricordato la figura di Clara Russo ha letto la sua poesia “Chiamami per nome”.

L’artista Carmelo Spinella ha presentato la sua opera pittorica, “Verso la Luce” nel quale rappresenta una donna che lascia dietro di sé le privazioni e le violenze domestiche subite tra le mura di casa, avvolgendola tra le tenebre. Una donna che, seppur scomposta, riesce a oltrepassare e andare nella luce formando un segno nell’infinito.

Per la sezione “Donne nell’Arte” curata da Daniela Liguanti si è “conosciuta” la cubana Ana Medieta, l’artista cubana che ha raccontato il corpo delle donne unendo Land e Body art. La sua arte trasforma rabbia, repressione, paura e dolore in potenti riflessioni su genere, identità, appartenenza.


Fonte: Rosa Anna Salsa

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

cookie