19 Maggio 2024
news
percorso: Home > news > SPETTACOLI
Caterina Liverani, Riccardo Gelli, Park Hae-il e Kim Yeda alla masterclass FKFF2023 (foto fonte masterclass) Caterina Liverani, Riccardo Gelli, Park Hae-il e Kim Yeda alla masterclass FKFF2023 (foto fonte masterclass)

Firenze: L’attore Park Hae-il ospite della Masterclass in suo omaggio al FKFF2023

05-04-2023 11:02 - SPETTACOLI
Con un abbigliamento casual, in una sala nuovamente illuminata, dopo il guasto elettrico che ha caratterizzato l'incontro con il regista Kim Han Min, fa il suo ingresso alla 21esima edizione del Film Festival del Cinema Coreano, il pluripremiato attore Park Hae-il tra gli applausi dei presenti.

Visibilmente emozionato, Park Hae-il rompe gli indugi e con una battuta sul buio in sala, esordisce alla prima masterclass fiorentina. “Credo che il blackout sia attribuibile al regista che avete appena incontrato, Kim Han Min, perché è troppo energico. Ricordo che anche l'anno scorso, a Londra, è successo una cosa simile con il video.” L'attore Park conosce bene il direttore artistico Kim, che lo ha voluto nel cast dei propri film come protagonista e nelle sue parole risuona il rispetto professionale verso il regista.


La curatrice della masterclass, Caterina Liverani, ricollegandosi al regista Kim precedentemente ospitato, ha subito rivolto le domande all'ospite d'onore di questa 21esima edizione e la prima curiosità era rivolta sulla sua partecipazione nel film storico nei panni dell'Ammiraglio Yin Sun-sin, il tipo di preparazione per l'immedesimazione e le sensazioni provate nel vestire costumi di un'epoca tanto lontana.

In Corea la figura dell'Ammiraglio Yin Sun-sin – ha dichiarato Park - è una figura molto rispettata da tutto il popolo. Quando il regista Kim mi chiamò per ricoprire il ruolo dell'Ammiraglio ero molto perplesso e sorpreso. Ricordo che mi domandai se fossi in grado di interpretarlo - confessa davanti al pubblico - dopo tante riflessioni, accettai.

L'artista rivela pure che l'indossare il costume d'epoca e l'armatura fu per lui una “porta che mi permetteva di passare dall'essere persona Park Hae-il all'essere personaggio Yin Sun-sin. Il costume di scena mi aiutava a ritornare a quell'epoca storica, mi permetteva di sentire sulla mia pelle, quel periodo difficile e, stranamente, anche l'incoraggiamento a combattere.” Grazie al Festival - ha annunciato Park - ho saputo che è visitabile il Museo dell'Armatura, qui a Firenze. Seguirò il consiglio!”
La curatrice Liverani suggerisce di raccontare l'esperienza e il tipo di approccio che l'attore Park ha avuto nel girare “A muse-Eungyo”, un film dove il personaggio principale era un anziano poeta di 70 anni. Per le riprese del film le pose per il make up impiegato per invecchiarlo furono numerose e di lunga durata, circa otto ore.
Tale impegno, però, contribuì a dare prestigio al lungometraggio tanto che venne dedicata una sezione trucco cinematografico (Hallyu) presso il famoso Victoria Albert Museum di Londra dove si esposero fotogrammi del make up nella mostra allestita lo scorso autunno.

In realtà non volevo farlo nemmeno io questa sfida – ha confessato un generoso Park - quando il regista Jung Ji-woo, col quale avevo già lavorato nel film ‘Modern boy', mi ha proposto questa sceneggiatura, ha consigliato di leggermi la storia originale tratta dal romanzo di Park Bum Shin. E' la storia di questo anziano poeta che desidera ritornare alla gioventù, per ritrovare l'energia tipica anche autoriale.”

L'attore racconta come il regista Jung gli palesa la necessità di sottoporsi alle lunghe sedute per provare e fissare, in seguito, il trucco d'invecchiamento.

Da trentacinquenne dovevo diventare un 70enne – si è raccontato Park -sono una persona molto curiosa io ed ho detto ‘ok facciamolo'. Da 12 ore di posa siamo riusciti ad impiegare solo otto ore e per la complessità del trucco le registrazioni si tenevano una volta ogni due giorni per la salute della pelle.”

L'artista, sempre più a suo agio davanti ad un pubblico attento, non si risparmia nel narrarsi e condivide i ricordi di quei giorni. Park rammenta che durante le riprese del film se all'inizio era solo recitazione, a mano a mano che si avvicina al personaggio si sentiva “un po' depresso”. Ricordo – ha affermato Parkche per me era più importante ricercare l'anima del personaggio, il suo sentire. Ad un certo punto del film – ha ricordato l'artista – il personaggio dice questa battuta ‘come la tua gioventù non è un premio dato dal tuo impegno, la mia vecchiaia non è una pena data dai miei peccati'. Secondo me l'età viene da sé, è naturale. L'importante è come si invecchia. So che dentro di me si è formato, è cresciuto, è nato questo anziano.

Tra i ruoli impegnativi interpretati dall'attore Park Hae-il, la curatrice Liverani domanda quale siano state le difficoltà affrontate nel ruolo del protagonista di “Memories of murder”. Quel film, basato su fatti reali accaduti negli anni '80 ciò che voleva ricreare il regista era l'atmosfera di quegli anni, non tanto incentrare il mio ruolo, sospettato degli omicidi oppure innocente – ha dichiarato Park – eppure da parte del pubblico ho ricevuto molte domande nelle quali mi si chiedeva se fossi io il colpevole. Ebbene, di recente è stato catturato il vero colpevole e adesso non ricevo più queste domande. Credo - ha confidato Park - che l'etichetta di sospettato mi sia rimasta cucita addosso per tanto tempo. Sicuramente sarà dovuta alla bravura e il talento del regista. Per fortuna – conclude l'attore strappando una risata in sala - poi son passato a ruoli di detective.”
L'incontro con l'attore, che così tanto ha incantato il pubblico, volge al termine. La curatrice Liverani si congratula con l'artista nell'interpretazione di un cinese in un film che assume un significato importante.

Park Hae-il, visibilmente emozionato si lascia sfuggire un timoroso “Non credo l'abbiamo visto in tanti, vero?” e poi racconta un aneddoto simpatico accaduto durante le riprese del film e la maestria del regista.

A pochi minuti dai saluti, una spettatrice regala all'artista un ritratto che lo ritrae e realizzato a mano libera. L'attore Park, sensibilmente mosso da questo dono inaspettato ha sentitamente ringraziato ed emozionato ha dichiarato che lo metterà “in cornice e lo farà vedere a tutta la famiglia.

Al momento del congedo l'attore sudcoreano ha reso partecipe al suo pubblico quanto la città di Firenze gli ha insegnato attraverso l'esperienza in una cantina toscana, vale a dire che “se il vino è più buono laddove è ben coltivato, prodotto e maturato nel proprio ambiente, anche lui come persona e a
ttore vuole maturare un una buona maniera.”


Fonte: Rosa Anna Salsa
Notizie

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
generic image refresh

cookie