12 Luglio 2020
news
percorso: Home > news > Cronaca

S. Teresa di Riva: Arrestato un catanese di 22 anni per la rapina alla Banca Monte dei Paschi di Siena nell´ottobre scorso.

19-03-2014 22:34 - Cronaca
Nel primo pomeriggio di ieri 18 marzo, i Carabinieri della Aliquota Operativa della Compagnia di Taormina hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal sezione dei Giudici delle Indagini preliminari di Messina nei confronti di Cavallaro Salvatore, giovane rapinatore catanese di 22 anni.
I militari lo hanno raggiunto presso la Casa Circondariale di Ragusa dove l'uomo era già detenuto in regime di custodia cautelare dallo scorso 10 febbraio, poiché ritenuto responsabile di due rapine in banca perpetrate a Modica (RG) e Piedimonte Etneo (CT).
Il provvedimento eseguito ieri fa invece riferimento ad un altro episodio avvenuto nel Comune di Santa Teresa di Riva. L'ordinanza, nello specifico, scaturisce dalle attività investigative conseguenti ad una rapina perpetrata ai danni della Banca Monte de Paschi di Siena con sede in via Porto Salvo.

Era il primo ottobre dello scorso anno quando un ragazzo molto alto, a volto scoperto e armato di taglierino, aveva fatto irruzione nella filiale minacciando clienti e operatori. L'uomo in quell'occasione scavalcò le scrivanie e raggiunse l'operatrice allo sportello. La donna, evidentemente terrorizzata, sotto la minaccia del cutter, consegnò oltre seimila euro. Anche il direttore della filiale, intervenuto in soccorso fu, allo stesso modo, minacciato. Il rapinatore si dileguò, poi, senza lasciare tracce.
Sul posto erano intervenuti i Carabinieri della Stazione di Santa Teresa di Riva e l'unità investigativa della Compagnia. Sulla base delle dichiarazioni dei testimoni si era proceduto alla acquisizione delle tracce lasciate sulla scena del delitto e dei filmati.

Il rapinatore aveva operato a volto scoperto e con un abbigliamento appariscente, una tuta da lavoro arancione con strisce catarifrangenti. Particolarmente accentuati erano poi alcuni tratti somatici che, insieme a tutti gli altri numerosi indizi, hanno di fatto consentito agli investigatori l'identificazione del colpevole nel CAVALLARO dopo che lo stesso era stato arrestato a Ragusa per altre rapine.

I Carabinieri hanno acquisito i dettagli di quell'operazione ed hanno effettuato ulteriori raffronti. Tutti i tasselli fina a quel momento acquisiti ed i nuovi riscontri effettuati, hanno portato alla precisa ricostruzione del puzzle. Gli investigatori sono ancora al lavoro per individuare eventuali complici

TAORMINA

VIDEO


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account