29 Novembre 2020

Quando è buon vino.... si vende così ! Un fascio d´Alloro sul portone....... .....un toccu di sancieli e un muccuni di vinu ra Sulicchiata "

12-08-2014 13:10 - .....Susiti e ...abballa!! Rubrica di Franco Gambino
La Festa di S.Agata costituisce il pretesto per rivedere vecchi Amici , i vicoli attorno la "Chiazza r´à Fera o lumi " la piazzetta antistante C.so Sicilia dove puoi trovare una miriade di personaggi che "da grandi artisti" improvvisano i mestieri più disparati......ne cito alcuni il venditore delle grandi occasioni - oggetti d´oro, orologi da tasca e da polso .... ( che metteva Giuseppe Garibaldi quando passò (?) da Tremestieri Etneo ! ), il Professore della vista che vende occhiali per uomo e per donna di ogni formato e di qualsiasi gradazione....naturalmente " a prova" ...... poi , non ci crederete, su un cofano di una vecchia 850 fiat - dove resta steso tutto il giorno-, un "tappitu sparecchia- tavula" ed un mazzo di carte siciliane.... al centro e due personaggi che chiedono di essere sfidati in una partita a carte a briscola o a scopa da €. 10 a colpo.

Oltre a questo grande teatro pubblico all´aperto c´è l´opportunità di assaggiare un "toccu di Sancieli" sotto i ponti di piazza Alcalà ai confini della "Piscaria".....e contemporaneamente posare lo sguardo su colonne di fumo che hanno origini dagli "arrostitori" di carciofi conditissimi di olio, aglio , prezzemolo e peperoncino, di "filetti e controfiletti" di puledro , di cipolle , peperoni o melenzane e gli avventori con i "titolari" vengono impegnati in grasse bevute di " Russu ra Sulicchiata" nell´attesa che la cottura sia ultimata......! -

Chi vi scrive o parla è stato "impegnato"-in quei giorni- in questa Festa.....anche Religiosa , dove il folklore viene espresso ai massimi livelli e credo che attraverso le parole Vi giungano i rumori , i suoni, i profumi di questa splendida città dove il modo di mangiare (" i crispieddi ca ricuotta e anciuova" ) per strada, viene svolto con naturalezza al di là di ogni "senso del pudore" dove tutto è giustificato da quel certo peccato di gola quasi peverso.

Credo che anche i più schifiltosi nostri concittadini - ove apprezzino l´autenticità del folklore e delle tradizioni- non potrebbero resistere alle tentazioni della vista e dell´olfatto di questa cucina di strada sopravvissuta ed immortale! - Una bella occasione mi viene riservata dalla visita (ogni anno da decenni) alla "Basilica" di S.Alfio dedicata a S.Filadelfio, S.Alfio, e San Cirino , sarà il fascino della pietra lavica, sarà l´incontro con Padre Fedele ( credo proprio che per Lui gli anni non passano mai ! ) un vero Prete che si occupa solo di....anime e la cui parola sempre sicura e dolce dà le dritte alle più incallite "Persone perbene.....! ".

Lì di fronte alla Chiesa , nell´estremità della piazza davanti un grande portone sovrastato da un fascio d´alloro (segnale di una Cantina -PRIVATA- che vende vino "padronale" ) è possibile incontrare Don Carmelo Rapisarda che con la sua bella voce argentina fa degustare -con un prologo di pezzi di formaggio pepato ......cu ll´uogghu !- , un delicatissimo rosolio d´alloro o di cannella e tra le sue storie dal grande fascino ricorda - con una recitazione del migliore Turi Ferro- la leggenda della Regina Giovanna d´Angiò- In poche parole Lui descrive una certa avventura della Regina Giovanna , la quale durante una battuta di caccia alle pendici dell´Etna in prossimità di S.Alfio venne sorpresa da un tremendo temporale e trovò rifugio con tutto il suo numeroso seguito di oltre cento cavalieri e dame sotto un gigantesco CASTAGNO- che da quel momento fu chiamato il Castagno dei cento cavalli..

Gli abitanti di S.Alfio -dice Don Carmelo- lo chiamano pure "arruspigghiasuonnu" per il cinguettio dei numerosi uccelli che vi s´ annidano . Credo sia impossibile non fare una riserva del buon vino di Don Carmelo e dei prodotti di sua produzione......ALTRO CHE MARKETING ! Ce ne andiamo soddisfatti salutando: "Assabenerica Don Carmelo" e lui : " V´arraccumannu : un vi scurdati di mia !
"............


CAMPANE di S.AGATA
Origine CATANIA- Epoca 800´-Anonimo popolare
Racc. Franco Gambino - Romagnolo (Pa)
Dedicata alla Sicilia
Si cantava ,anche, come omaggio all´Immacolata
ndr un canto struggente !

O chi rintocchi lenti
nt´allurtimi sunò
Comu senti lamenti d´impressu mi ristò.
O vergini Maria penza e pruteggi Tu
Sicilia amata Mia aiutala Gesù.

Conca d´oru suprannuminata
O Sicilia ncantevuli si ttù.
Terra Santa duci e nzuccarata
Sulu li to vuci su virtù.
Di lava sì sempri turturata
Ti susi e ti rivoti sai tu
Sutta vutti (?) sutta Nunziata
Ma ca nun si canusci cchiù.

O chi rintocchi lenti etc.etc.
VIDEO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio