11 Agosto 2020
news
percorso: Home > news > TAORMINA

Luciano Moggi il 13 Novembre a Taormina: "il pallone lo porto io" 40 anni di calcio in un libro.

05-11-2015 19:02 - TAORMINA
Volete conoscere i retroscena, i segreti del mondo del pallone degli ultimi 40 anni? Ma non solo, fatti e misfatti di "calciopoli" 2006, rivelazione e retroscena su giocatori, allenatori e presidenti. Tutto questo verrà svelato Venerdi 13 Novembre 2015 alle ore 18.00 presso il Palazzo Duchi di S. Stefano di Taormina, il protagonista è l´ex direttore generale della Juventus - Luciano Moggi - l´ex re del calcio italiano presenterà il suo ultimo libro "Il pallone lo porto io".

L´evento è promosso e organizzato dal santateresino Giuseppe Scarcella, esperto di politiche finanziarie e amico di Luciano Moggi. Interverranno il 13 novembre nella "Perla dello Jonio" Nicola Penta, consulente tecnico di Moggi nella difesa al processo Calciopoli, l´avv. Maurilio Prioreschi, legale dell´ex dg della Juventus, ed il prof. Antonino Trimarchi, docente di Economia Aziendale all´Università di Messina.

Giuseppe Scarcella proporrà, inoltre, un focus sui numeri e i riflessi economici di Calciopoli. Luciano Moggi, sarà intervistato dal giornalista della Gazzetta del Sud Emanuele Cammaroto, ripercorrerà gli anni della Triade, i successi, oltre a ripercorrere nove anni di processi e i controversi dell´inchiesta che ha diviso i tifosi italiani. ""Tutto quello che non ho mai detto"......in anteprima agli sportivi siciliani, grazie a Giuseppe Scarcella fraterno amico di Moggi sarà svelato a Taormina.

"Il pallone lo porto io" in questo libro ci sono i segreti e le rivelazioni sul calcio italiano degli ultimi quarant´anni.... Racconta la sua vita, e la sua vita era ed è il calcio. Racconta di come fregò Nedved, convincendolo a passare alla Juve, di come il ceco rimase di stucco scendendo dall´aereo a Caselle trovando, chissà mai perché, uno stormo di giornalisti.

Racconta dell´improbabile look di Raiola a Montecarlo durante l´affare che portò il genio Ibrahimovic alla Juve per 15 milioni pagabili in 5 anni (tanto quanto Ogbonna, per dire).

Racconta del perché non reputasse l´Inter una società seria dopo che era stato "acquistato" da Moratti per 800.000 euro netti all´anno. Nella cassaforte di casa Moggi giace un contratto da direttore sportivo firmato dall´allora presidente dell´Inter, Massimo Moratti: correva l´anno 1998

Si scopre che un giovanissimo ma già promettente Del Piero era stato ceduto scelleratamente al Parma, che Cristiano Ronaldo non arrivò alla Juventus per colpa preterintenzionale di Marcelo Salas, che quel genio di Maradona era diventato un peso insopportabile, che Ferlaino giudicava Zola troppo brutto per essere bravo. Nell´appendice finale del libro ci sono cento domande secche in cui il Direttore si sbizzarrisce ........!!!!!

TAORMINA

VIDEO


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio