19 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > TAORMINA

I cinesi a Taormina? Il colosso Fosun punta su Alpitour e sui suoi alberghi

02-07-2016 13:49 - TAORMINA
Dobbiamo decidere presto di imparare il mandarino. Non sarà facile, ma saremo obbligati a farlo perché i cinesi sono un miliardo e 300 milioni e il 10% di loro sono ricchi, vale a dire 130 milioni di persone.

La Ciña ha una eccedenza finanziaria incredibile perché quando le va male ha un Pil all´8% e quindi deve investire questo surplus. Adesso, secondo il sito «Taorminatoday», ha messo gli occhi su Alpitour, il più grande operatore turistico italiano, che dal giugno scorso tiene in pancia anche la gestione dei due alberghi ex Pulvirenti, cioè Atlantis Bay e Mazzarò Sea Palace della catena Platinum, dopo aver versato all´ex (?) presidente del Catania 30 milioni per la gestione pluriennale. Attualmente ci sono in corso colloqui tra Alpitour e il colosso cinese Fosun, che ha già investito 939 milioni per l´acquisizione del Club Mediterranee e di 70 villaggi turistici in 40 Paesi.

Alpitour era un´azienda del gruppo Agnelli (attraverso la Exor) che era passata nel 2012 ai fondi Wise e Hirsch per 225 milioni di euro. Fosun, che a sua volta la vuole comprare, è il più grande gruppo della Ciña continentale, con sede a Shanghai. che opera nel settore assicurativo, negli investimenti, negli asset e nel settore industriale. Tanto per rendere l´idea nel 2013 ha acquistato a New York il grattacielo 3P Morgan Chase.

Anche Alpitour sarebbe un regalo costoso perché di recente ha rinnovato la flotta a lungo raggio con i Boeing 787-9 puntando sull´hub di Malpensa tramite Neos, la compagnia di Alpitour che appena due anni fa aveva confermato la sua adesione al programma Boeing 787, ordinando tré 787-8, gli aeromobili tecnologicamente più avanzati al mondo. Ora la compagnia aerea ha deciso di convertiré l´ordine ai 787-9, un modello ancora più avanzato, per incrementare le rotte a lungo raggio.

Il primo di questi aerei arriverà a dicembre del 2017 e sarà posizionato a Milano. Attualmente la Neos ha una flotta che comprende sei Boeing 737-800W (Winglet) e tré Boeing 767-ÇÎÎåïë/ (extendet range winglet) rispettivamente di 187 posti classe unica e 284 in due classi distinte. 1 dirigenti di Alpitour prevedono un incremento del 20% di passeggeri. Se la cinese Fosun vuole acquisire il più importante gruppo turistico italiano dovrà mettere sul tavolo un paio di miliardi di euro. I cinesi si stanno lanciando nel settore turistico: da quando è cresciuto il loro benessere hanno apprezzato l´eccellenza italiana, soprattutto nella moda e nella cucina mediterranea, e ora fanno shopping un po´ dappertutto, negli hotel europei, nelle nuove residenze milanesi, negli alberghi, e adesso anche in Sicilia, se dovessero andare in porto le trattative con Alpitour.

In sostanza, anche se marginalmente, la Sicilia turistica viene a contatto con queste iniziative, e Taormina resta una meta privilegiata. Ad esempio vi ha preso casa il celebre visagista Diego Della Palma, lo stesso ha fatto uno dei Simple Mind. Anche Fiorello avrebbe acquistato la casa del ristoratore Briguglio, di recente scomparso. Insomma qualcosa si muove, e non è perché nel 2017 ci dovrebbe essere il G7 con tutto quello che il grande evento comporta.


Fonte la Sicilia - Tony Zermo
TAORMINA
VIDEO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio