28 Settembre 2020
news
L´edilizia in calo

Edilizia, dati allarmanti in Sicilia: 70mila posti in meno e 600 imprese fallite in 5 anni

05-02-2014 20:48 - ECONOMIA E FINANZA
l sindacato Fillea Cgil ha stilato un elenco nel quale sono stati riportati i dati relativi ai devastanti effetti della crisi sul settore edilizio in Sicilia, negli ultimi 5 anni.
Per cominciare, la massa salariale nell´Isola è risultata essere diminuita del 22%, dal 2008 al 2013, ovvero di almeno 50 milioni di euro, mentre nelle altre regioni d´Italia del 7%.
I posti di lavoro in meno, invece, sarebbero circa settantamila.
La percentuale di operai siciliani, infatti, è scesa al 24%, mentre nel resto del Paese si attesta al 12%.
Dunque, il numero dei lavoratori edili attivi in Sicilia si è praticamente dimezzato passando da 10.877 a 5.173, così come le ore lavorative, ridotte anch´esse del 22% come il monte salariale, che da 8.542.503 nel 2008 sono scese a 2.503.792 nel 2013.
Un drastico calo è stato registrato anche riguardo alle imprese attive che sono passate da 2.311 nel 2008 a 1.455 nel 2013.
Circa 600, infatti, sono state quelle dichiarate fallite, di cui 475 solo l´anno scorso.
Così, visto che al sud gli indicatori dell´edilizia mostrano una situazione alquanto preoccupante, Mauro Livi della segreteria nazionale della Fillea Cgil ritiene che siano indispensabili interventi interventi che mettano al centro il lavoro, gli investimenti, i diritti e il rispetto delle regole con i rinnovi dei contratti ed in proposito, il sindacato ha anche illustrato delle proposte sia al Governo regionale che a quello nazionale, per snellire la burocrazia e velocizzare l´iter necessario in modo da rendere subito disponibili le risorse già stanziate dando alle imprese aggiudicatarie degli appalti la possibilità di avviare i lavori.
TAORMINA
VIDEO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio