11 Agosto 2020
news
percorso: Home > news > TAORMINA
Ospedale S. Vincenzo di Taormina

Dopo sei anni di «esilio» a Taormina ritorna la Cardiochirurgia pediatrica.

18-07-2016 08:00 - TAORMINA
Anche la giunta regionale finalmente ha detto sì: la cardiochirurgia pediatrica potrà tornare a Palermo. L´assessore alla Salute, Baldo Gucciardi, aveva formalizzato al governo la proposta e ieri ha agguantato il parere favorevole.

Nel giro di qualche giorno firmerà il decreto che, di fatto, istituirà l´Unità operativa complessa di cardiochirurgia pediatrica all´Ospedale dei Bambini. Si aggiunge così un tassello fondamentale al variegato puzzle del reparto che, negli ultimi anni, è stato al centro di polemiche, dibattiti, scaramucce e rivalse.

Che ora vengono messi da parte con un solo scopo: riportare la cardiochirurgia nel capoluogo siciliano e, soprattutto, all´interno di un contesto squisitamente pediatrico. «Dopo tanto parlare, si va avanti - commenta l´assessore -. Il prossimo passo sarà il decreto, nel giro di una settimana o dieci giorni. Comunque entro la pausa estiva». Subito dopo, si entrerà nel vivo: andrà individuata la figura che sarà a capo della nuova struttura, saranno reclutati i medici, formati gli infermieri. «Se il ministero darà il via libera per il personale, entro qual che settimana il sistema si attiverà», conferma Gucciardi.

La decisione era nell´aria da un po´. A maggio il presidente della Regione, Rosario Crocetta, lo aveva detto fuori dai denti: la Cardiochirurgia pediatrica deve ritornare a Palermo. Sulla stessa lunghezza d´onda il manager dell´Arnas-Civico, Giovanni Migliore, molti medici, associazioni di genitori, politici di varia estrazione. Ritornare, sì, perché era qui che stava, fino a nemmeno dieci anni fa.

Era uno dei gioielli indiscussi del Civico, guidato da Carlo Marcelletti, stimato e apprezzato cardiochirurgo travolto poi da una serie di scandali culminati con il suo arresto, nel 2008. Da quel momento solo oblio e decadenza, poi nel 2010 la decisione dell´ex assessore Massimo Russo di spostare il reparto all´ospedale «San Vincenzo» di Taormina. Un accordo con il «Bambino Gesù» di Roma da 8 milioni di euro. Che quest´anno l´attuale governo regionale si è rifiutato di continuare a sborsare. Il tira e molla si è concluso a giugno, con una proroga di un anno della convenzione, ma per una cifra ben più bassa; circa un milione e mezzo.

Ma se si lasciano un attimo da parte i conti e le beghe politiche, la collocazione nel Messinese ha creato non pochi disagi nel tempo: a Taormina non c´è la pista per l´elisoccorso, le strade siciliane si sa che sono un colabrodo, al «San Vincenzo» manca la terapia intensiva neonatale. Tutte situazioni che, nel caso di bambini e neonati, possono costare la vita.

«Il trasferimento è tecnicamente opportuno - dice Migliore -: per la sicurezza dei bambini, i risultati migliori si ottengono in un´area pediatrica specifica. Abbiamo lavorato molto per questo, è il coronamento di un percorso. Questa è una struttura che può dare tutto il supporto necessario. Sono molto contento del risultato».

Per sapere dove nascerà la nuova Unità operativa bisognerà attendere. "Aspettiamo il decreto e vedremo - afferma ancora il direttore generale -. Per la collocazione abbiamo un ventaglio di possibilità diverse. Il nostro obiettivo è quello di partire il prima possibile. Ci metteremo la solita determinazione: eravamo pronti a questa chiamata di responsabilità».

Fonte: Giornale di Sicilia di Monica Di Liberti

TAORMINA

VIDEO


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio