20 Febbraio 2019

news

Chi è il deputato regionale più ricco del 2018? Al primo e secondo posto due messinesi: Luigi Genovese (Forza Italia) e Franco De Domenico (Pd).

24-01-2019 19:45 - News MESSINA e PROVINCIA
È Luigi Genovese, il 23enne parlamentare di Forza Italia, il deputato più ricco dell’Assemblea regionale siciliana. Ha dichiarato nel 2018 un reddito di quasi 278 mila euro lordi.

Genovese, figlio dell’ex parlamentare del Pd, poi di Forza Italia Francantonio, è anche il più giovane deputato Ars, con i suoi 23 anni il prossimo 2 febbraio e oltre 17 mila preferenze. Insomma un giovane che colleziona record. Il dato emerge dalle dichiarazioni dei redditi dei parlamentari regionali pubblicate ieri sul sito dell’Ars.

Il secondo posto sul podio dei “paperon” dell’Assemblea regionale se lo aggiudica Franco De Domenico (Pd), anche lui messinese, con un reddito che supera di poco 200 mila euro, il terzo va a Claudio Fava (I cento passi) che ha dichiarato 176 mila euro lordi.

I deputati più poveri sono nel Movimento 5 Stelle: Elena Pagana, Luigi Sunseri e Jose Marano, i primi due hanno dichiarato, insieme con Antonio Catalfamo di Fratelli d’Italia solo l’indennità maturata da inizio legislatura fino a fine anno, 3187 euro, La Marano poco di più, 3.870 euro.

Il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè 115 mila euro. La classifica dei più ricchi prosegue con l’assessore alla Formazione Roberto Lagalla, 166.115 euro; Orazio Ragusa (Udc) 138.124 euro; Giorgio Assenza (124 mila euro); Stefano Pellegrino (FI) 113 mila euro; Nicola D’Agostino (Sicilia futura), 112 mila euro.

I più poveri sono Elena Pagana, Luigi Sunseri e Jose Marano (M5
[]

SPORT


[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio