14 Luglio 2020
news

Aziende private siciliane modello di efficienza: autolinee i costi sono pari a quelli della Svezia.

01-01-2015 22:16 - ECONOMIA E FINANZA
Traghetti, treni, autobus. La mobilità in Italia è un argomento che scotta. Nella duplice veste di utenti e contribuenti, se sono da preferire i traghetti piuttosto che gli aliscafi, la ferrovia piuttosto che i pullman, società pubbliche piuttosto che private, ciò che conta veramente è conoscere le sorti di uno dei servizi più importanti per la collettività. Negli ultimi trent´anni, malgrado gli sforzi, la maggior parte delle società di trasporto pubblico partecipate, da Nord a Sud, consumano più denaro che gasolio, non fanno un euro di utile e hanno costi ormai ingiustificabili agli italiani.

In Sicilia, come nel resto d´Italia, la vita del viaggiatore non è mai troppo facile. Qui la situazione è ancora più paradossale perché per spostarsi, nell´attesa dei treni veloci, non esistono alternative valide al trasporto su gomma (se non l´auto privata); e poi perché alle enormi difficoltà della partecipata regionale Ast si contrappongono aziende private (circa 110) con servizi soddisfacenti e al costo più basso d´Italia.

Un modello di efficienza: 0,95 euro per ogni chilometro extra-urbano percorso, in linea, secondo i dati di una ricerca internazionale di Earchimede per la Commissione Ue dei Trasporti, con gli standard svedesi, inferiore a Germania, Francia, Olanda e Belgio, oltre che al resto d´Italia.
Dai dati elaborati da Isfort, Istituto di formazione superiore sui Trasporti, in Italia si attesta una media intorno a 2,2 €/km: per esempio in Lombardia il costo è di 1,40 €/km, in Valle d´Aosta di 1,85 €/km, in Emilia Romagna di 1,47 €/km, in Campania 1,99 €/km.

I privati sono, dunque, preziosi alleati per la qualità e l´efficienza dei servizi e per le casse della Regione. Dal 1996 al 2014, grazie all´efficienza dei privati, a parità di chilometri extraurbani (80 milioni) percorsi, la Sicilia, se confrontata con la Lombardia (36 milioni di euro annui) ha risparmiato 642 milioni di euro.

Efficienza che migliora l´immagine dei trasporti su gomma siciliani e che manca in altre realtà italiane. Anche dove sono state indette gare proprio per raggiungere questi stessi obiettivi.
Ma cosa sta alla base dell´efficacia delle imprese siciliane?
Da un lato i rimborsi chilometrici molto bassi costringono le aziende di servizi di trasporto privato siciliane a un maggiore rigore in termini di costi; e dall´altro, per aumentare gli incassi e garantire una copertura, ancorché minima a tutto il territorio, grazie a una certa libertà di pianificazione dei servizi, cercano strategicamente di mantenere l´offerta sempre più aderente ai bisogni della domanda in modo da non venire meno alla funzione sociale e territoriale del servizio.
Interesse della collettività obiettivo raggiunto, verrebbe da dire...

Articolo di Licia Floridia

TAORMINA

VIDEO


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account