28 Settembre 2020
news

Letojanni vuole fare parte dell´Unione dei Comuni. Avviato l´iter.

20-02-2015 22:59 - UNIONE DEI COMUNI
Letojanni - L´Amministrazione vuole aderire all´Unione dei Comuni del comprensorio di Naxos e Taormina. Il sindaco Alessandro Costa, ha annunciato l´intenzione di procedere nell´iter, convinto che stavolta, in Consiglio comunale, ci siano i numeri perché il progetto vada a buon fine. Quella di Letojanni è infatti un´esperienza particolare.

Era stata proprio la giunta del centro ionico, allora guidata da Gianni Mauro, nel 2007, ad attivarsi per dare vita all´organismo, coinvolgendo Taormina, Giardini, Castelmola, Mongiuffi e Gallodoro. Era così iniziato un processo tortuoso, caratterizzato da molti ostacoli.

A defilarsi per prima, un anno dopo, era stata Castelmola, più interessata a guardare alla Valle dell´Alcantara. Nel 2009 il civico consesso letojannese aveva poi inaspettatamente bocciato la proposta: approfittando della assenze tra gli esponenti della maggioranza, l´opposizione aveva deciso di fare valere la forza dei numeri stroncando l´iniziativa. A Taormina, d´altronde, non avevano nemmeno messo l´argomento in discussione.

Alla fine, però, nell´ottobre 2009, l´Unione era nata con i tre Comuni «superstiti»: GiardiniNaxos, Mongiuffi Melia e Gallodoro. Gli altri, invece, erano rimasti fuori, senza più entrare né in quella né in altre organizzazioni simili. Per Letojanni, non erano mancate le conseguenze negative. Innanzitutto, si erano persi quei fondi riservati solo ai componenti delle Unioni. Ma
c´era stato anche dell´altro. Per esempio, mentre prima i paesi collinari organizzavano i «Grest» portando i bambini nel centro ionico, dove facevano colazione nei bar e frequentavano i lidi balneari, in seguito avevano ritenuto opportuno spostarsi a Giardini Naxos. Quando si sono rinnovate le amministrazioni dei Comuni che si erano autoesclusi, le convinzioni sono però cambiate.

Costa vorrebbe aderire all´Unione: ne ha parlato sia con la sua maggioranza che con i colleghi dei paesi vicini (in particolare il sindaco di Gallodoro, Alfio Currenti, presidente di turno dell´Unione). Anche il sindaco di Castelmola Orlando Russo, che finora si è sempre battuto per una maggiore collegialità (tante iniziative le ha intraprese assieme a Mongiuffi Melia), si sta muovendo in tal senso. Ostacoli non ce ne dovrebbero essere. Bisognerebbe però modificare lo statuto dell´Unione, per consentire l´adesione degli altri Comuni; sembra che i cambiamenti siano già in fase di studio.

Per quanto riguarda Taormina, sono stati fatti dei tentativi per coinvolgerla, ma senza accendere particolare interesse. Certo l´Unione, dopo un primo periodo in cui riuscì a lanciare vari progetti, ha ultimamente sofferto per la carenza di fondi da destinare alle iniziative. Rimane però una struttura valida per coordinare le azioni a livello comprensoriale e per fare esprimere in maniera univoca i territori che rappresenta.



Fonte: di "Gaetano Rammi"

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio